MUSICLETTER.IT

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> CHOOSES THE BEST

 

JINGLE FOR A JUNGLE

Altre Recensioni  update: 07/12/2014

Per contatti, collaborazioni, invio di materiale promozionale scrivete a redazione@musicletter.it

# 5 - # 4 - # 3 - # 2  - # 1


SEGNALAZIONI            UPDATES            CLASSIFICHE            JINGLE FOR A JUNGLE           ML WRITERS & LOVERS            LIVE           HOME - EXIT  


MLMYSPACE                    COLLABORAZIONI                    ISCRIZIONI NEWSLETTER                     COMUNICAZIONI                 MLBLOGSPOT


     ARTIST: ALESSANDRO STEFANA

    TITLE: POSTE E TELEGRAFI

    LABEL: Important Records      

    RELEASE: 2007                                     

    WEBSITE: www.alessandrostefana.com

L'album solista di Alessandro Stefana dal titolo "POSTE E TELEGRAFI", sarà pubblicato dall'etichetta Important Records il 27 marzo 2007. Il disco, interamente strumentale, racchiude un mondo molto personale di suoni e visioni che spaziano da atmosfere oniriche ad immaginari vagamente western, con riferimenti al blues rurale e alla psichedelica.Tutto è reso ancor più evocativo dalla selezione unica di strumenti quali:chitarra elettrica, banjo, pedal steel guitar, loop di vinili, balafon, omnichord, echi a nastro... (Fonte: alessandrostefana.com)


     ARTIST: FRANKLIN DELANO

    TITLE: Come Home

    LABEL: Ghost Records      

    RELEASE: 2006                                     

    WEBSITE: www.ghostrecords.it / www.franklindelano.org

Come Home, terza fatica dei Franklin Delano, mostra la stessa verve sperimentale che ha caratterizzato il precedente Like A Smoking Gun In Front Of Me. Per questo nuovo capitolo però, il substrato di drones e noise si ritrae parzialmente, svelando il songwriting più immediato di Paolo Iocca.Lemelodie autunnali a cui la band ci ha abituato si scontrano, stavolta per tutta la durata dell'album, con ogni tipo di spregiudicatezza e audacia rock'n'roll: fiati di derivazione soul, chitarre impazzite, banjo stritolati e distorti, strambe sezioni d'archi, echi à la Suicide. La produzione di Brian Deck (Modest Mouse, Iron&Wine, Califone) garantisce la sobrietà e la qualità di un uso comunque spregiudicato di loops, rumori e treatments, oltre che dell'indubbio gusto negli arrangiamenti.Anche le liriche di Come Home rappresentano un elemento di rottura col passato: più dirette, spesso ironiche, cercano una comunicazione più limpida e immediata, meno cerebrale ed esoterica.Come Home è un disco di immediata ed intrigante bellezza, che risplende attraverso le numerose sezioni e gli infiniti strati di suono lavorato, scolpito, pennellato ad arte dalla nuova line-up allargata per questo poliedrico spaccato di musica americana. (Fonte: Ghost Records)


     ARTIST: Crëvecoeur

    TITLE: #1

    LABEL: Drella Records      

    RELEASE: 2007                                     

    WEBSITE: www.crevecoeur.fr / www.five-roses.net

I Crëvecoeur sono un trio francese strumentale che si è formato nel 2003. Sempre strumentale, la loro musica richiama le ricche composizioni delle colonne sonore cinematografiche ma nella forma della canzone pop. Dopo aver condiviso la scena con band come i Karate e i Sophia, per citarne alcune, i Crëvecoeur stanno per far uscire il loro primo disco. Registrato tra Parigi e Nancy, #1 è un album autoprodotto. Ogni loro concerto è accompagnato da splendide proiezioni in 8mm. (Fonte: 5 Roses)


     ARTIST: MONTECRISTO

    TITLE: S.T.

    LABEL: Sleeping Star  

    RELEASE: 2007                                     

    WEBSITE: www.myspace.com/sleepingstarrecords

Definiti da Tony James (Generation X, Sisters Of Mercy, Sigue Sigue Sputnik) come "un incrocio tra Heartbreakers, Stooges e Generaion X," i Montecristo sono diventati in breve tempo una delle formazioni di punta della nuova scena rock italiana con esibizioni live travogenti a fiancodi gruppi come Eagles Of Death Metal, White Flag e Raveonettes. I Montecristo nascono a Roma all'inizio del 2005 quando Flai (Chitarra) e Luca (Basso) si sono uniti valerio (Batteria) ed Emiliano (voce) al suo rientro in Italia dopo un'esperienza artistica a New York durante la quale ha suonato  con gruppi come Calla, Good Time Woman e Antony and The Johnsons. Le diverse influenze musicali del gruppo si fondono in crogliolo musicale che spazia dal rock'n'roll di MC5 al pop di My Bloody Valentine, dal powerpop di Flaming Groovies sino al punkrock di Misfits e Ramones, raccogliendo le suggestioni di un immaginario letterario e cinematografico che ha come riferimenti principali Kenneth Anger, Richard Matheson e jack Kirby. (Fonte: Sleeping Star)


     ARTIST: CHEVREUIL

    TITLE: Science (Ep)

    LABEL: Ruminace / Pias     

    RELEASE: 2006                                     

    WEBSITE: www.ruminance.com / www.five-roses.net

Gli Chevreuil sono il duo dinamico di Tony C. e Julien F. Gli Chevreuil sono quattro amplificatori, una tastiera, una chitarra, una batteria e nessuna sovraincisione. Gli Chevreuil creano un ambiente denso di linee intrecciate, strati multipli, trame estensibili. Quelli che hanno familiarità con i Battles, i Don Caballero, e gli Cheval De F r i s e dovrebbero riconoscerne la chiamata alle armi. Julien protegge il forte con le sue percussioni solide e possenti, mentre Tony brandisce le sue bandiere alternativamente e simultaneamente,impreziosite da uno stupefacente post-rock, un hardcore intricato e un minimale e seducente noise. Un effetto baluginante d'improvviso prende corpo quando la struttura compositiva si rivela come un covo di serpenti, nel quale ogni linea lotta per prevalere sulle altre, ma in ultima istanza viene di nuovo risucchiata nel groviglio quando un'altra linea melodica impone la propria effimera predominanza. SCIENCE è stato registrato nel Dicembre 2005 all'Elettrical Audio di Chicago con la collaborazione di Greg Norman e Steve Albini. (Fonte: 5 Roses)


     ARTIST: THE WALTER SMITH PROJECT

    TITLE: S.T.

    LABEL: WSP       

    RELEASE: 2006                                     

    WEBSITE: www.thewaltersmithproject.com / www.five-roses.net

The Walter Smith Project è l’ultimo album del musicista jazz multistrumentale Colin Ozanne, pubblicato sotto la sua etichetta indipendente WSP. Definito come un miscuglio perfettamente bilanciato, eclettico ed indimenticabile di Jazz, Elettronica e Ambient, Ozanne ha arrangiato, progettato e composto tutti gli elementi strumentali: sassofono, basso, clarinetto basso, chitarra elettrica e acustica, chitarra portoghese, suoni ricavati dal vetro e dalla vasca da bagno.Il lavoro precedente di Colin si dimostra eterogeneo tanto quanto il successivo; dai suoi esordi come musicista jazz a Parigi negli anni novanta, Ozanne iniziò ad interessarsi al mondo del French Pop, suonando in diverse formazioni come E L M , Manuel Bienvenu & B E D (realtà in cui ebbe un’esperienza diretta sia nelle esibizioni dal vivo che nelle registrazioni in studio), prima di trascorrere alcuni anni suonando con la band sperimentale brasiliana di Jazz-Forro Armazen.Il suo lavoro può essere fruito ascoltando album molto diversi tra loro, dal fantasmagorico Le Cirque des Mirages all’elettro-pop di Elodie O. (Fonte: 5 Roses)


     ARTIST: LE SINGE BLANC

    TITLE: Strak !

    LABEL: Keben Records      

    RELEASE: 2006                                     

    WEBSITE: www.lesigenblanc.org / www.five-roses.net

Si dice che la musica dei Le Singe Blanc riecheggi in modo elettrizzante i passi di uno yeti sul massiccio dei Vosgi. Alcuni affermano che si tratti di un mutante dagli occhi sporgenti e l'aura fiammeggiante che si aggira tra le nebbie dell'alba nei paraggi di un reattore nucleare a Cattenom (57). Ma è tanto per dire.Sappiamo che i Le Singe Blanc sono un trio nato a Metz nell'autunno del 2000. Ed è anche la band più esaltante della città.Proponendo una sonorità anti-pop, accompagnata da testi intensi e accattivanti con folate energiche di basso e batteria, la band ha perlustrato i locali e gli squat della Francia e della Navarra prima di rivolgersi al resto dell’Europa (dal Belgio alla Spagna con tappe in Italia, Germania e Austria). Lasciandosi dietro una scia di creazioni automatiche (LSB 01; 8 tracce. 2001 & LSB 02; 5 tracce. 2002) e semi-automatiche allo stato embrionale e scovando una casa di distribuzione belga – la Mandaï distribution – lungo il loro cammino (per Gol-Goth-Attack; 21 tracce. 2003 & Witz. 14 tracce. 2004), stanno per sfoderare l’artiglieria pesante in collaborazione con la Keben records per l’uscita del loro ultimo album intitolato Strak!, un lavoro pericolosamente eccitante che sicuramente andrà a ruba sugli scaffali dei negozi di dischi a partire dall’ottobre 2006 (distribuito in Francia dalla Overcome, in Giappone dalla Town Tone e nel Benelux dalla Mandaï).Mentre i giornalisti sgomitano per accaparrarsi una notizia e scrivere un paio di righe su di loro, la band è di nuovo in viaggio da Settembre per friggere i cervelli dei fan dell’heavy metal fino in Cina! Fate girare la voce che i Le Singe Blanc sono in giro con le migliori intenzioni!! (Fonte: 5 Roses)


     ARTIST: tORQUEMADA

    TITLE: Tales From The Bottles

    LABEL: Insecta Records      

    RELEASE: 2006                                     

    WEBSITE: www.torquemada.tk

Ecco gli ultimi botti di fine 2006, una miccia corta 34 minuti e la bottiglia si rompe in 9 schegge di rock tirato e adrenalinico. Tales From The Bottles è il debutto discografico dei tORQUEMADA, terzetto bergamasco che si è già fatto conoscere agli addetti ai lavori divedendo il palco con importanti band italiane (Verdena su tutte). Un suono volutamente sporco e aggressivo, la voce che digrigna i denti e urla, mentre l'energia profusa mantiene sempre alto il livello di guardia; dall' apertura saliscendi di It's Going, al rock’n’roll nel migliore stile Fu Manchu di industrialnoisepostrock, passando per il crossover barricadiero di Who? fino ai riff assassini di Superrodeo Frog, il disco si lascia ascoltare piacevolmente, e la nostra testa continua a muoversi assecondando il piede che batte sul pavimento. Un brindisi di buon anno al nostro underground locale, che ci regala spesso grandi soddisfazioni. (Nicola Guerra)


     ARTIST: B BACK

    TITLE: Second Hand

    LABEL: Area Pirata      

    RELEASE: 2006                                     

    WEBSITE: www.areapirata.com

Possiamo finalmente presentare il nuovo album dei nostri eroi del Garage Beat, i B-Back!! Come e forse anche meglio che nel primo album, la band riesce miscelare alla perfezione Beatles, Kinks e Small Faces con Standells ed Electric Prunes, ma senza dimenticare la lezione Garage 80s di Miracle Workers e Chesterfield Kings!! Si tratta di 12 song registrate da Robert Vogel nel 2005, mixate successivamente da Gianni & Francesco Cerone e quindi masterizzate agli inizi del 2006 presso il West Link Studio da Ovi. La copertina ed il retro sono stati realizzati dallo psichedelico Francesco Ciaponi, che si era anche occupato del loro ultimo 7" split. L'edizione è limitata a 500 copie!! (Fonte: Area Pirata)


     ARTIST: UZI & ARI

    TITLE: It is Freezing Out

    LABEL: Own Records            

    RELEASE: 2006                                     

    WEBSITE: www.ownrecords.com / www.five-roses.net

Provenendo dall’Utah, del Texas, dall’Alabama e dall’Idaho, Uzi & Ari rappresentano sia l'aggregazione diversificata di orizzonti musicali che gli spazi geografici. Ben Shepard, autore, compositore e cantante del gruppo, da vita a dei paesaggi ritmici sofisticati che sopportano melodie pop che sorvolano  chitarre distorte e accordi di piano seducenti. Durante i tour, Ben si fa accompagnare da Cade Thalman alla chitarra, Catherine Worsham al basso e Andrew Glasett alla batteria. Il loro primo tour americano fu preceduto da una registrazione di 10 pezzi pubblicati nell'aprile 2006. Il loro suono è una sinergia estetica di sogno e energia. Uzi & Ari nascono nel 2003 e hanno aspettato veramente poco tempo prima di far uscire il loro primo EP intitulato  « Shaking Praising Hands ». Dopo alcuni mesi, il gruppo si è messo in viaggio per il Texas per registrare il suo primo album « Don’t Leave In Such A Hurry » col produttore e percussionista di Centro-matic, Matt Pence. Uscito nel 2005 su Crying Girl Records, l’album fu coperto da elogi dalla critica che l'ha descritto come un disco post-rock sposato al shoegaze.Nell loro nuovo album  « It is Freezing Out », Uzi & Ari sembrano aprirsi ad un pubblico più ampio accorciando le strutture dei loro pezzi in favore di una maggiore richezza delle loro composizioni. Dopo un retro gusto di Radiohead ai tempi di « Kid A » che ti abbandona dopo il promo ascolto, l’album mostra altri vantaggi e una vera personalità dopo diversi ascolti. (Fonte: 5Roses)


     ARTIST: Last Killers vs The Directors

    TITLE: 7" EP

    LABEL: Area Pirata            

    RELEASE: 2006                                     

    WEBSITE: www.areapirata.com

Un nuovo singolo split va ad arricchire la "Battle of the Garage" in terra italica. Questa volta è il turno di Last Killers, una band di Rimini al debutto dedita ad un magnetico 60s Garage R'n'R che centrifuga Sonics e Seeds in ossequio ai Fuzztones ed agli Stranglers! Ottima band anche dal vivo; stanno lavorando al primo album che nella prossima Primavera dovrebbe vedere la luce! I secondi provengono da Como e sono più vicini ad un potente Garage Punk che fa incontrare Devil Dogs e Dead Boys!! Edizione limitata a 500 copie! (Fonte: Area Pirata)


     ARTIST: MASSIMILIANO D'AMBROSIO

    TITLE: Il Mio Paese

    LABEL: Terresommerse / Interbeat         

    RELEASE: 2006                                     

    WEBSITE: www.massimilianodambrosio.it

Massimiliano D’Ambrosio è nato nel ’72 a Roma, dove vive. Si è diplomato presso l’Istituto Nautico con la qualifica di Capitano di Lungo Corso. Nel ’94 comincia a suonare le sue canzoni nella storico locale del Folkstudio di Roma.Nel ’96 entra a far parte dei “Giovani del Folk”, formazione voluta da Giancarlo Cesaroni che racchiudeva le novità più interessanti del Folkstudio di quegli anni (e di cui avevano fatto parte in passato anche Francesco De Gregori, Mimmo Locasciulli, Antonello Venditti e Giorgio Lo Cascio) con i quali partecipa a numerose rassegne tra cui il Festival degli artisti di strada a Pelago (FI). Nel 2001 Massimo Cotto, direttore artistico di Radio Raiuno, ascolta una sua cassetta e trasmette, nel corso della trasmissione “Radio 1 Music Club” la canzone “La via sul porticciolo” il cui testo è liberamente ispirato ad una poesia di L. Ferlinghetti. Grazie alla stessa canzone nel 2002 vince il premio per il miglior testo alla IV edizione della rassegna di musica d’autore “Scrivendo Canzoni” a Sermide (MN). A Marzo 2006 esce il suo primo album dal titolo “Il Mio Paese” che contiene “Il Poeta” canzone il cui testo è tratto da una poesia di Stefano Benni (inserita anche sul sito ufficiale www.stefanobenni.it/musica). Il concerto di presentazione del disco ha visto la partecipazione dei GANG. Una sua traduzione di una canzone di Leonard Cohen (“Sisters Of Mercy”) è stata inserita nel disco tributo “Nudo in Ombra” dedicato al grande cantautore canadese e presentato a Berlino in occasione del “Leonard Cohen Event 11-13 August 2006”. (Fonte: massimilianodambrosio.it)

     ARTIST: SHOUT

    TITLE: Once Again For The Cheap Seats In The Back

    LABEL: Nordovest     

    RELEASE: 2006                                     

    WEBSITE: www.theshout.it

In tiratura limitata l'ep in inglese (Fonte: theshout.it)

     ARTIST: THE TALL SHIPS

    TITLE: Paint Lines On Your Glasses Look Up At The Stars And Play Them As Notes

    LABEL: Minority Records             

    RELEASE: 2006                                     

    WEBSITE: www.minorityrecords.com / www.five-roses.net

Le composizioni de THE TALL SHIPS tendono verso un movimento lineare alla maniera dei Codeine, mentre i momenti più complessi sarebbero da paragonare ai BLONDE REDHEAD o ai RODAN. THE TALL SHIPS è il gruppo di steve kuhn, musicista americano ex componente di due grandi formazioni: Glendale e Cole. il primo gruppo di steve, Blowup kit nasce ai tempi dell'università, e gli ha fatto scoprire il piacere di viaggiare dopo i suoi primi tour. i Blowup kit (che prendono il nome da un pezzo dei Big chief), fanno uscire anche  uno  split 7 con i Donora (Art Monk Construction), guppo dalle cui ceneri nascono  i Don Caballero e Kerosene 454. Un anno dopo la fine dell'università, kuhn continua a suonare anche con i Glendale, che pubblicano un 7" su art monk construction  prima di sciogliersi. Per saziare la sua sete di viaggio e la sua eterna voglia di imparare. Steve kuhn  si trasferisce a Chapel Hill dopo essere stato accettato  nel dipartimento scientifico dell'università del north carolina. Steve aveva comunque in testa l'idea di cercare altri musicisti per suonare. incontra prima il batterista John Walker, e poi il bassista Mike Salmon. I tre formano i Cole. è con il loro primo album, "idea of city", che i Cole cominciano a sviluppare uno stile personale, ispirato comunque ai Rodan e ai June of 44. i Cole suoneranno con Arches of loaf, June of 44, Sweep the leg johnny. Circa due anni dopo la fine dei Cole, nasce THE TALL SHIPS. I membri del gruppo hanno un'idea comune: creare una musica nel modo più egualitario possibile. A differenza dei cole, the tall ship cercano di valutare le necessita di ogni parte in modo da creare un tutto. (Fonte: 5Roses)


     ARTIST: BANANA AT THE AUDIENCE

    TITLE: Into The House Of Slumber

    LABEL: Sk Records             

    RELEASE: 2006                                     

    WEBSITE: www.skrecords.com / www.five-roses.net

Ecco qui! « Into the house of slumber », il terzo album degli Bananas at the audience è qui. Per il gruppo, è la stessa ricetta dall'inizio: dei successi, sempre. Anche se più nessuno sa a quando risalgono le origini del gruppo, i creatori dell'emo come alcuni dicono, non hanno perso nulla in energia e creatività. I loro concerti sono delle esperience uniche di esuberanza e energia positiva. I loro dischi sono un concentrato melodico incredibile. Durante i loro 10 anni di esistenza, i Bananas senza essere mai veramente cambiati, non hanno mai smesso di andare più lontano e di farci dividere il loro senso della melodia e i loro impareggiabili ritornelli. In 3 album e qualche EP, i Bananas ci hanno gratificato di tanti istanti di buon umore a saltare sul nostro letto, cantare in coro e stringerci forte gli uni contro gli altri. (Fonte: 5Roses)


     ARTIST: L'OCELLE MARE

    TITLE: S.T.

    LABEL: RuminanCe             

    RELEASE: 2006                                     

    WEBSITE: www.ruminance.com / www.five-roses.net

Chi non ricorda gli cheval de frise? chi non è rimasto stupito dalle prestazioni tecniche di questo duo e da  tutta l'emozione che si liberava dalla loro musica? L'ocelle mare è il progetto solista di Thomas Bonvalet, chitarrista dei disciolti cheval de frise. Presenta qui un primo album, nel quale si ritrova tutta l'energia, la tecnica e la sincerità che  avevamo già avuto modo di apprezzare nel duo di Bordeaux. regolarmente in tour con i suoi amici di Deerhoof (Kill Rock Stars), Gorge Trio (Skin Graft), Radikal Satan (Potagers Nature) e  Chevreuil (Ruminance). Thomas è un musicista raro, che non aveva ancora detto tutto con gli cheval de frise. Con la sua chitarra acustica cerca ora delle sonorità adatte sia alla dimensione live, dove ci ricorda john Fahey o David Grubbs. Sia per la registrazione in studio. è dentro delle grotte e delle chiese abbandonate che questo disco è stato registrato durante una sessione di una decina di gorni nel luglio 2006. Affascinato da questi spazi da molto tempo, chiese, sotto bosco,grotte abitate da pipistrelli, scuderie abbandonate, Thomas decide di trarne vantaggio per la propria musica. La profondità e la gravità dei luoghi danno una dimensione inedita al disco. Lontano dagli studi di registrazone, Thomas è riuscito a registrare anche il silenzio che aleggia nei diversi luoghi in cui ha lavorato. L'ocelle mare ci presenta 16 pezzi di chitarra acustica complessi e tesi (nessuno ha un nome). ognuno con il suo ritmo, quello del suo corpo. Dal vivo d'altro canto, suonando i suoi pezzi, Thomas sembra rigidirsi, attorcigliarsi alla sua chitarra, mentre il suo viso si contorce   per scrutare il movimento delle sue dita, suonando a volte ad una velocità insensata, o pizzicando le corde in modo da creare uno strano effetto, quasi giapponesizzante. Ogni fine pezzo è ripido, scosceso, l'ocelle mare è sincero nella sua musica e ogni minuto sembra cruciale. Thomas correda il tutto da sonagli,da una borraccia che crepita sulle corde come un plettro,un microfono tra i piedi che riprende i ritmi frenetici e che batte sul suolo. come il suo cuore. (Fonte: 5Roses)


     ARTIST: NED

    TITLE: Rien, Merci

    LABEL: Sk Records             

    RELEASE: 2006                                     

    WEBSITE: www.skrecords.com / www.five-roses.net

RIEN MERCI è stato registrato al Kozmo studio di Zagreb, Croazia da Nixa  Vrisc nel mese di febbraio 2005, prima di partire per un tour in Francia. Durante il tour, i NED hanno continuato a fare sperimentazioni sul disco a casa o in giro, dandogli una connotazione più 'psichedelica' che le altre registrazioni del gruppo. Per la storiella, l'album dura 52 mn ed è stato concepito come un vinile, un 7" con una versione 'radio edit' e un remix del pezzo 'voices in the sink' è stato aggiunto al disco. La musicassetta comprenderà tutti i pezzi del disco in tutte le varie versioni. Sin dalle prime cassette artigianali fino alla creazione dell'etichetta SK Records, la musica dei NED non ha mai smesso di evolvere a forza di regidtrazioni, incontri, tour, tutto cio' in un spirito D.I.Y. Dal noise aprossimativo degli inizi, il trio si è aperto ad altre influenze, mischiando il noise'n'roll originale, dei frammenti di blues, dei groove senza vera logica, dei concetto antimusicali e del rock'n'roll. NED a trovato il suo proprio modo si camminare, sempre vicinissimo della perdita d'equilibrio ma mantenendo sempre il gusto della melodia. NED a fatto 300 concerti in Inghliterra, Scozia, Olandia, Germania, Danimarco, Repubblica Cecca, Austria, Svizzera, Italia, Slovenia, Croazia e Francia, dividendo la scena con numerosi artisti come LADDIO BOLLOCKO, GUAPO, SABOT, BLONDE REDHEAD, MELT BANANA, OXBOW ed altri... (Fonte: 5Roses)


Start Stat 2006-02-19

 


SEGNALAZIONI            UPDATES            CLASSIFICHE            JINGLE FOR A JUNGLE           ML WRITERS & LOVERS            LIVE           HOME - EXIT   


MLMYSPACE                    COLLABORAZIONI                    ISCRIZIONI NEWSLETTER                     COMUNICAZIONI                 MLBLOGSPOT


>>>>    AVANTI

INDIETRO <<<<