Mercoledì, 2 Agosto 2017

Nella notte di San Lorenzo arriva il Contronatura Music Festival 2017 | News

contronatura-festival-2017.jpg
Il Contronatura Music Festival torna per la sua sesta edizione sotto le stelle cadenti di Guagnano (LE), il 10 agosto 2017 dalle ore 20.30, con una line up che, anche quest’anno, attinge dalle novità della musica nazionale e internazionale, pescando tra le ultime uscite discografiche indipendenti che hanno destato più curiosità.

A cominciare dal producer inglese Powell di XL Rec., uno con un piede nel presente e l’altro nel futuro. La sua è una dance futurista di richiamo industriale, con campioni brevissimi, synth electro abrasivi, battuta punk, bassi spumosi. Powell appartiene certamente al mondo della techno, ma da buon inglese gli scorre il punk nelle vene.

Altra novità sul palco del Contronatura è la trap italica di Carl Brave X Franco126, il duo romano di Bomba Dischi che non smette di far parlare di sè. Un rap il loro che ha preso una piega totalmente divergente rispetto ai canoni della trap americana, trovando una soluzione morbida, romantica, calda e italiana, seppur nel disincanto tipico dei ventenni, o dei teenager, del nuovo millennio. I loro pezzi sono delle istantanee sul presente che ritraggono alcuni microdettagli di quotidianità. Spicca il loro flow con accento marcatamente romano, che dà un tocco di verismo in più alla loro musica.

Sempre da Roma e da Bomba Dischi arriva il surf-garage rock del trio John Canoe. Un’ondata di chitarre fuzz che richiama il rock’n’roll underground dei sixties, ripreso nell’ultimo decennio da band come Black Lips e Wavves.

C’è anche tanto spazio per la musica made in Salento, a partire da Echopark il progetto di Antonio Elia Forte, sul palco del Contronatura per presentare il suo ultimo Ties (2016), pubblicato dall’etichetta WWNBB. Un album concepito come un’esplorazione intima delle relazioni umane e realizzato con un songwriting soul su linee di chitarra elettrica sporche, percussioni e chitarre acustiche, e synth distorti.

E i giovani Season, salentini ora di stanza a Bologna, ispirati al folk odierno à la Bon Iver, e Turco, progetto di Chiara Turco, basato su un pop folk con arpeggi di chitarra e basi elettroniche riprodotte dal vivo con sequencer e loop station. (La redazione)