Categorie
Cultura Eventi Live Musica Notizie & Comunicati

WILDBIRDS & PEACEDRUMS + THE DODOS AL CIRCOLO DEGLI ARTISTI

wildbirds&peacedrums.jpg

È previsto per mercoledì 4 maggio 2011 al Circolo degli Artisti di Roma, con inizio alle ore 21:00 circa, il concerto dei Dodos e dei Wildbirds & Peacedrums. Ecco le relative schede delle formazioni:

WILDBIRDS & PEACEDRUMS

Durante il 2010 gli svedesi Wildbirds & Peacedrums hanno pubblicato i due Ep ‘Retina’ ed ‘Iris’, ripubblicati alla fine dell’anno nell’album ‘Rivers’.
I Wildbirds & Peacedrums sono una scoperta continua, e ‘Rivers’ conferma il duo come band di riferimento per il pop d’avanguardia e le contaminazioni con il jazz.
Streaming del video di ‘Bleed Like There Is No Other Flood’, singolo estratto da ‘Rivers’.

Il 2010 è stato l’anno di Mariam e Andrea, sposi, duo e band tra le più prolifiche in circolazione. Per gli Wildbirds & Peacedrums un album all’anno, e l’ultimo un doppio Lp comprendente i due mini album pubblicati nel corso del 2010. La band è una mosca bianca all’interno della scena indipendente europea, capace di rendere pop il jazz e di facile fruizione un suono basato sulla perfetta sincronia tra il drumming ineccepibile di Andrea Werlin e la voce potente e soave di Mariam Wallentin.
‘Rivers’ è un intuizione unica, quieto e trascendentale nella sua prima parte ‘Retina’, quando potente e ipnotico nella seconda ‘Iris’, un lavoro imperdibile per capire appieno l’intraprendenza stilistica dei Wildbirds and Peacedrums.

I Wildbirds & Peacedrums sono un duo svedese composto dalla cantante Mariam Wallentin e dal batterista Andrea Werliin. I due si sono incontrati all’Academy of Music and Drama di Goteborg nel 2004, dove Mariam studiava improvvisazione vocale e Andrea percussioni. I due frustrati dall’approccio troppo istituzionale con cui si insegnava musica cercavano una nuova via. Il progetto Wildbirds & Peacedrums nasce quindi dal desiderio di liberarsi da ogni bavaglio accademico e di tornare alla musica che cattura il puro sentimento. Non sorprende allora, considerata la loro evidente affinità musicale, che i due musicisti si siano sposati subito dopo aver iniziato ad esibirsi nell’estate del 2005, durante una vacanza berlinese.

“Iniziamo sempre con le parole che scrive Mariam, poi cerchiamo uno o due elementi che stiano bene con queste – può essere un ritmo o un suono – e poi partiamo da lì. Per me è una liberazione scrivere musica in questo modo – non ho bisogno di coprire molto la voce di Mariam, posso suonare un ritmo semplice e fare affidamento sui silenzi. Manteniamo molto spazio nelle registrazioni e sembra che chi ascolta riesca a riempirlo da sè – un ascoltatore di musica jazz ci sente fiati e linee di basso mentre un punk ci mette delle chitarre frantumate!” – parole di Andrea Werllin, percussionista (e non semplice batterista) del duo Wildbirds and Peacedrums.

Nel 2008 hanno pubblicato per la Leaf records (Essie Jain, Bear in Heaven, Caribou/Manitoba) il loro esordio ‘Heartcore’. L’album ha messo d’accordo la stampa di tutta il continenete attirando l’attenzione sull’originalità del connubio tra la voce di Mariam e le percussioni di Andrea.
Alla pubblicazione dell’esordio è seguito un lungo tour in tutto il mondo che ha mostrato una band capace di rendere ancor più originale la propria musica e di fare uno show unico nel suo genere. I vocalizzi di Mariam dal vivo diventano uno strumento aggiunto alla forza tribale delle percussioni di suo marito Andrea.
I Wildbirds nel 2009 hanno pubblicato ‘The Snake, loro secondo album, a cui nel 2010 sono segguiti ben due Ep, e un album che li comprendeva entrambi.

I Wildbirds and Peacedrums dal vivo sono unici, minimali e tecnicamente senza rivali nella scena indipendente moderna.

THE DODOS

“No Color” è il quarto album dei Dodos, duo indie-folk californiano che ha iniziato la sua attività nel 2005. Un buon 70esimo posto negli States ed il video di “Black Night” contribuiscono a rendere meno sconosciuta al pubblico questa formazione, in passato più numerosa. Le nove tracce di cui si compone il cd,riportano al suono folk delle origini ma non rinunciano a divagazioni più corpose in cui la batteria è la vera protagonista,piu’ delle voci un po anonime a dire il vero.

(Fonte: Kick Promotion Agency)

Pubblicità