Categorie
Eventi Live Notizie & Comunicati

SOLD OUT PER I SOLITI IDIOTI

i-soliti-idioti.jpg
Sold out per i Soliti Idioti al Circolo degli Artisti (Roma) giovedì 2 giugno 2011. Attenzione! I personaggi di questo programma sono degli idioti che fanno e dicono cose non adatte ai minori e ad adulti molto seri… Arriva il tour dello sketch show più irriverente della tv italiana. Dopo il successo ottenuto con la terza serie, I Soliti Idioti si trasferiscono a teatro. Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio, i due protagonisti della sketch comedy televisiva più amata di Mtv, salgono sul palco per dare vita ad un live esilarante fatto di sketch, musica e canzoni. Ospiti d’onore delle serate saranno i personaggi più popolari della serie: i due “enfants terribles” Niccolò e Gigetto – Giampietro e Marialuce, detti “gli Immoralisti” – i due preti “marketing” Padre Giorgio e Padre Boi – la Ministra e il suo portaborse Protti – Sebastiano e la Postina – la coppia gay Fabio e Fabio – e non potranno certo mancare le due star più attese: l’imprenditore romano Ruggero “Dai Cazzo” DeCeglie con il figlio bamboccione Gianluca. Le varie coppie si alterneranno portando sul palco vecchi e nuovi sketch, ma soprattutto le loro canzoni comiche e dissacranti: da “A come Amore” e “La Casilina” (Ruggero e Gianluca) a “Fottere il sistema” e “Spacco tutto” (Niccolò e Gigetto), passando per “Pene-Ano” (Fabio e Fabio), “Dov’è Gesù” (Padre Giorgio e Padre Boi) e molte altre ancora. I soliti idioti è un programma scritto e interpretato da Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio, un’ironica rappresentazione della cultura italiana, con i pregi e difetti che ci fanno tanto amare ed odiare il nostro paese. Le mitiche coppie ormai elette a rappresentanti della società, tornano con le immancabili coppie e gli sketch che alternano risate ad incredulità ed una straordinaria abilità nell’indossare i panni di tanti personaggi, tutti interpretati dai due istrionici attori. Mandelli e Biggio riescono abilmente a cambiare faccia e personalità creando protagonisti ispirati dalla borgata romana alla Milano bene, dal tema della mafia a quello di genitori e figli, passando dal mondo della chiesa a quello dell’omosessualità. Tutti questi personaggi e argomenti vengono filtrati attraverso la bizzarra lente della comicità surreale e di situazione, che ci mostra i vari tic degli italiani e smaschera molte volte la loro innocente idiozia. I soliti idioti sono comicità liberatoria, specchio di un’Italia contemporanea di cui si ride proprio perchè ci si riconosce e, in fondo, a cui non si può non volere bene. (Fonte: Kick Promotion Agency)

Pubblicità