Categorie
album 2021 Musica Streaming

L’album d’esordio del collettivo svedese-senegalese Wau Wau

Suoni cosmici d’avanguardia provenienti dal Senegal, “Yaral Sa Doom” è un album rivoluzionario che va oltre confini e scene musicali differenti.

Suoni cosmici d’avanguardia provenienti dal Senegal, Yaral Sa Doom è un album rivoluzionario che va oltre confini e scene musicali differenti.

Ispirato dalla tradizione dell’Africa occidentale, da canzoni di lode sufi, dal jazz spirituale e dai ritmi dub, l’effetto è davvero emozionante e travolgente con percussioni ipnotiche e ripetitive, cori, canti di bambini e strutture call and response che si sovrappongono a ritmi elettronici.

Nel 2018, l’archeologo musicale svedese e musicista Karl Jonas Winqvist si è recato a Toubab Dialaw, in Senegal, un piccolo villaggio di pescatori diventato fulcro della scena artistica bohémien senegalese.

In quei giorni e nelle settimane successive Karl ha radunato attorno a sé musicisti locali, percussionisti, poeti e beatmaker, abbozzando idee e registrando improvvisazioni libere.

Winqvist è poi tornato in Svezia, scambiando registrazioni su WhatsApp con il collaboratore e ingegnere dello studio senegalese Arouna Kane.

Il risultato è questo disco dal titolo Yaral Sa Doom, che in wolof significa “educare i giovani”. Al centro dell’album c’è infatti il tema dell’educazione, con canzoni che affrontano direttamente le questioni sociali che il Senegal contemporaneo deve affrontare, come l’istruzione e l’immigrazione. Educare i giovani alla musica significa insegnare loro a usare il proprio spirito.

Con oltre 20 artisti che contribuiscono dal Senegal e dalla Svezia, e che per l’occasione prendono il nome di Wau Wau Collectif, Yaral Sa Doom si rivela un lavoro stratificato e complesso, ma con una precisa visione.

Un album che è stato reso possibile grazie alla tecnologia e alla Rete che con un click ha messo in comunicazione il Senegal con la Svezia.

Pubblicato il 26 febbraio 2021, Yaral Sa Doom è un disco visionario frutto di una collaborazione transglobale. Un lavoro che, naturalmente, guarda al futuro. (La redazione)

Lascia un commento
Pubblicità