Sabato, 3 Agosto 2013

Tax Credits: AudioCoop si complimenta con il Ministro Bray

Audiocoop-.JPG
Al termine del Consiglio dei Ministri di ieri 2 agosto a Roma, il ministro per il Turismo e i Beni Culturali Massimo Bray ha annunciato l’introduzione di un tax credit pari a 5 milioni di euro a favore del settore musicale nell’ambito del “Decreto Valore” recante disposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei Beni e delle AttivitĂ  Culturali: ne beneficeranno compositori emergenti e giovani artisti per quanto riguarda la pubblicazione di opere prime e seconde, senza distinzione di genere. AudioCoop, il coordinamento di etichette discografiche indipendenti, promotore del Mei, che si terrĂ  a Faenza dal 27 al 29 settembre 2013, si complimenta con il Ministro Bray aver raggiunto in poco tempo questo importante obiettivo per la filiera produttiva musicale con particolare attenzione per le imprese di produzione musicale per giovani esordienti. Si tratta di un importante intervento per promuovere i nuovi talenti con particolare riferimento alle tante produzioni indipendenti presenti nel nostro paese“, hanno commentato Giordano Sangiorgi, Luca Fornari e Giampiero Bigazzi del Comitato di Presidenza di AudioCoop. “Va espresso un plauso al Ministro Bray per aver individuato un modello di incentivazione anche per le etichette discografiche musicali, e di avere accolto i suggerimenti provenienti dal settore, che possono guardare al futuro e agli investimenti nel settore anche per l’online e per l’estero con una maggiore serenitĂ  e sapendo di avere al fianco il Ministero dei Beni Culturali“. “È il primo passo di un percorso importante che certamente faremo insieme al Ministro Bray” - prosegue AudioCoop - “competente e attento al settore musicale come elemento di traino della cultura, dell’economia e della coesione sociale di un paese, che non potrĂ  che portare ad altri positivi risultati come, a costo zero per il Governo, le facilitazioni per fare musica dal vivo per le band emergenti e una quota per favorire come in Francia gli ingressi in radio e TV nazionali dei giovani talenti che producono nuova musica, l’allestimento di un Tavolo a livello nazionale unitario per il settore per affrontare insieme tutte le tematiche, un ammodernamento dei meccanismi del Fondo Unico per lo Spettacolo capaci di riconoscere anche l’importante lavoro culturale delle musiche attuali, oltre a una presenza unitaria di tutto il settore in tutte le spedizioni del made in Italy musicale all’estero”. Un grande applauso per l’obiettivo raggiunto al Ministro Bray dal mondo della musica indipendente. (Fonte: Audiocoop)



Cerca e compra online il biglietto dell’evento che desideri

T1_Generic_468x60

Cerca e compra un disco, un dvd, un acccessorio di abbigliamento