Sabato, 21 Dicembre 2013

La migliore musica indie da ascoltare al tavolo verde del poker

Poker-Indie-Music.jpg
La grande moda del poker è forse in parte un po’ tramontata, ma le persone che continuano a giocare, sia dal vivo che online, sono senz’altro quelli che, superato il boom, hanno perseverato nel coltivare questa loro passione. Quelli quindi hanno trovato strategie per essere migliori degli altri al tavolo verde del poker, sia esso reale o virtuale. Si dice per questo motivo che ormai le poker room online siano popolate da “squali”, vale a dire i giocatori davvero abili che sono soliti “mangiarsi” i pesci piccoli. E pare che tra i segreti dei migliori giocatori in circolazione, ci sia l’ascolto della musica, compresa quella indie, durante i match: musica che aiuterebbe quindi a mantenere alta la concentrazione in tornei che possono durare anche ore, mentre dopo qualche decina di minuti la concentrazione naturalmente cala e con essa il rendimento.

Tra i giocatori più premiati di sempre ricordiamo Daniel Negreanu (Canada) e Phil Ivey (Stati Uniti) e non a caso entrambi, soprattutto il secondo, si vedono spesso partecipare a tornei di poker in cui, di tanto in tanto, si mettono delle grosse cuffie agli orecchi ed ascoltano una musica che li isola ed evidentemente fornisce loro la giusta concentrazione, ma anche lo stato d’animo necessario per affrontare scelte difficili, come quelle che si devono necessariamente fare durante un torneo. Sulla base di quelli che possono essere i vari essere i vari momenti di un torneo, sia che si svolga dal vivo, sia che si tenga in una delle poker room online che si trovano in Italia, abbiamo selezionato alcuni album e brani di musica alternativa, che possono creare la giusta atmosfera per avere l’atteggiamento migliore nel corso di un torneo.

In certi momenti di un torneo di poker la tensione può essere molto elevata, soprattutto quando si è perso parte del proprio stack, oppure quando si è lasciato passare una occasione ghiotta. Ecco che in questi casi può aiutarti Slow Down, dei Poolside, la giusta musica per rilassarti; e quando hai raggiunto il tuo obiettivo, puoi ripartire con un po’ di carica (senza esagerare!) con Next To You, sempre dei Poolside. Di tutt’altro genere, ma pur sempre rilassante è l’album It Started With An April Shower dei Gentle Isolation. Più consigliato per i grinder, che giocano quindi per lo più online, è invece l’album Classics dei Ratatat: l’assenza di voci la rende ideale come musica di sottofondo nella stanza da gioco, per aumentare la concentrazione sullo schermo e il match. Prendendo invece i singoli pezzi, tra le migliori in assoluto per riportarti in ogni momento nello stato mentale più appropriato è Intro degli XX, disponibile anche in versioni alternative.

E infine, per qualcosa di più aggressivo, provate con i Modest House, in particolare i primi album, ottimi per darvi maggiore carica quando le cose stanno andando nel verso giusto. E voi? Quale musica alternativa ascoltereste durante una sessione di poker o di altri giochi di strategia? (Andrea Brenna)

The XX - Intro

Poolside - Next to you



Cerca e compra online il biglietto dell’evento che desideri

T1_Generic_468x60

Cerca e compra un disco, un dvd, un acccessorio di abbigliamento




Aggiungi un commento

Completa la form sottostante per aggiungere un commento