Mercoledì, 3 Maggio 2017

Recensione: Beach Fossils - Somersault (2017)

beach-fossils-2017.jpg
Sono settimane che non faccio altro che ascoltare Somersault. Lo ascolto con una frequenza compulsiva. A volte provo a toglierlo dal lettore di casa o dell’auto, ma non c’è nulla da fare: l’ultimo dei Beach Fossils è una vera e propria droga.

Un disco che ti si attacca addosso come una scimmia, che non è non certo quella di Gabbani, con canzoni pop sixities di una leggerezza stupefacente che evocano un immaginario fatto di spiagge, onde, tavole da surf e altri piccoli piaceri quotidiani.

Un album - il terzo della formazione di Brooklyn - immediato e candido come la sua (bianca) copertina che, assieme alla traccia iniziale This Year, ti introduce da subito all’interno di una psichedelia sognante e gentile. Dieci motivetti dagli effetti psicotropici che difficilmente riuscirete a scrollarvi di dosso. (Luca D’Ambrosio)



Cerca e compra un disco, un dvd, un acccessorio di abbigliamento