Sabato, 2 Settembre 2017

Torino: tra Proclama e Popforzombie | News | Video

proclama-e-popforzombie.jpg
È noto che la scena torinese è particolarmente attiva e fucina di artisti interessanti: merito soprattutto del successo nazionale di molte band importanti, di giornalisti attenti anche alle nuove proposte, di etichette discografiche e una rete di locali e festival che funzionano.

Negli ultimi anni anche l’etichetta Vrec ha pescato interessanti progetti musicali che si sono fatti notare. Già precedentemente i Proclama (foto in alto) guidati da Giorgio Giardina con il nuovo lavoro La mia migliore utopia (distribuzione Audioglobe) hanno dato il sentore di un progetto con un salto di qualità: basti pensare all’immagine rinnovata e ai concerti in giro per l’Italia in apertura a Passenger (Pistoia Blues), a Afterhours, Teatro degli Orrori, Morgan e molte altre vetrine interessanti che hanno portato la band a guadagnare sempre più pubblico (tanto da risultare la band emergente più votata dal contest di Classic Rock Lifestyle con tanto di pagina intera di intervista sul numero di Agosto).

Sulle medesime coordinate è recentemente uscito il disco dei Popforzombie (foto in basso) che arrivano all’esordio omonimo sotto l’attenta supervisione artistica di Rudy Di Monte (Subsonica, Statuto) al quale si affianca Gianni Condina (Subsonica, Levante) al mix. Dieci brani inediti tra cui i singoli Radio, Lasciati cadere e Bianco per un un pop rock arioso e radiofonico sempre aiutato riflessioni taglienti sulla vita, l’amore senza mai perdere di vista “forma e sostanza”.

Un disco che parla a tutti sia vittime che carnefici, senza raccontare favole inventate che a volte possono diventare vere. La loro storia è partita dalla storica etichetta indipendente Toast Records di Giulio Tedeschi con la quale hanno pubblicato, come Subà, tre album nell’arco di un quinquennio, mentre come Moivo, hanno prodotto due album autoprodotti e un singolo (La mia generazione) inserito nel secondo cd della colonna sonora del film di Marco Ponti A/R andata e ritorno del 2004 edita da Mescal. Torino si conferma così sempre viva e ricca di spunti musicali. (David Bonato)

PROCLAMA

POPFORZOMBIE