Martedì, 10 Aprile 2018

The Sick Rose - Someplace Better, 2018 | Recensione | Streaming

The Sick Rose
I Sick Rose stavolta se la sono presa comoda. Ben sette anni separano infatti Someplace Better dal precedente No Need For Speed. Un silenzio discografico addolcito da un unico singolo inedito e da una prescindibile serie di ristampe e di raccolte consacrate all’ormai più che trentennale periodo garage della band torinese, lo stesso descritto con dovizia di particolari da Maurizio Campisi sul suo libro dello scorso anno.

Da quel passato i Sick Rose si sono staccati consapevolmente ormai da tantissimo tempo, creando una frattura con quel pubblico che li avrebbe voluti eternamente armati di fuzz, organo anni Sessanta e coltelli affilati come quelli dei pomodori sanguinari del loro primo fumetto.

Le “nuove” coordinate sono state tracciate da Blastin’ Out già nel lontano 2005 e si concretizzano adesso in quello che è il lavoro più compiuto della loro “trilogia” power-pop. La prestigiosa produzione affidata a Ken Stringfellow (Posies, Game Theory, Big Star, R.E.M. ma anche i misconosciuti e dimenticati Chariot con Javier Escovedo e Pat Fear nel suo CV) non deve distrarre da quello che sono diventati i Sick Rose oggi: una formazione in grado di scrivere canzoni che hanno il dono dell’atemporalità e della classicità. E della familiarità. Nel senso che sono impregnate di quel gusto che sei certo di aver già assaporato cento volte, su cento dischi diversi anche se non sai quando, non sai dove, non sai esattamente se ti sono piaciute ne’ perché, ma le riconosci subito non appena ti stringono la mano, ancora prima che ti dicano il loro nome.

Certo, qualcuno dirà che sanno di pomata power-pop, con tutti quei cori che sembrano leccare la melodia come fosse una fica ben lubrificata. E io non mi sento di contraddirlo. Perché ovviamente stiamo parlando di musica ammiccante. Ricorda molto quella dei Jetz di Den Pugsley e Tony Skeggs e a tratti, soprattutto vocalmente, quella di certi Hoodoo Gurus (come sulle belle Anyway e Sweet as a Punch) e più in generale di tutto il guitar-pop australiano che dagli Stems arriva, a ritroso, fino ai fondamentali Easybeats che mi sembrano a livello attitudinale una delle più grandi influenze del disco, nella sua ostinata e riuscita ricerca del dettaglio perfetto, del riff asciutto, della melodia raggiante da dopo-lavoro.

Someplace Better è insomma l’ennesimo tassello di una formazione in perenne rinascita, tenacemente incernierata al passato ma con gli occhiali da sole ben inforcati per guardare con tranquillità ad un futuro ancora abbagliante. Passando da qui, lasciate un obolo affinché ci regalino ancora dei dischi e delle canzoni su cui sperare. (Franco Dimauro)

Clicca qui e ascolta il disco mentre navighi