Venerdì, 16 Gennaio 2015

Il partigiano Stéphane Charbonnier e un nuovo esempio di Resistenza

Stephane-Charbonnier.jpg
“Preferisco morire in piedi che vivere in ginocchio” scriveva Stéphane Charbonnier, direttore della rivista satirica francese Charlie Hebdo, ucciso barbaramente il 7 gennaio 2015 a Parigi in nome di Allah assieme ai suoi colleghi e ad altri collaboratori. Parole che Charbonnier amava ripetere a gran voce come un partigiano ogni qual volta che la redazione veniva minacciata da un fondamentalista qualsiasi e che oggi risuonano come un nuovo esempio di Resistenza. Un’idea di resistenza che va oltre la sua tradizionale accezione legata al passato e che la vuole antagonista di un governo ingiusto e dittatoriale, bensì come concetto assoluto da applicare nel quotidiano per tentare di osteggiare qualsiasi forma di violenza e prevaricazione, ma soprattutto per garantire la libertà di espressione di ogni singolo individuo. Quel “preferisco morire in piedi che vivere in ginocchio” non è altro che un’urgenza di libertà e dignità che ognuno di noi dovrebbe far propria in qualsiasi momento della vita, non solo per se stessi, ma per il bene e la pace di tutta l’umanità: per non essere complici di orrori e ingiustizie. È questa, insomma, oggi più che mai, la mia visione di resistenza. Un modo diverso e attuale di spiegare alle nuove generazioni il significato della parola “partigiano”. (L.D.)

Christophe Aleveque canta “Bella Ciao”.



Cerca e compra online il biglietto dell’evento che desideri

T1_Generic_468x60

Cerca e compra un disco, un dvd, un acccessorio di abbigliamento




Luca D’Ambrosio


A metà strada tra Dio ed Elvis




Area amministrazione