The Jazz Defenders con Herbal T. Quando il jazz incontra l’hip hop

«Live Slow» è il singolo nato dalla collaborazione del combo soul-jazz bristoliano The Jazz Defenders e il rapper statunitense Herbal T

Davvero dobbiamo aspettare febbraio per l’uscita del secondo album dei bristoliani The Jazz Defenders“Slow down, you’re moving too fast!”, ci intima più volte il testo, ma è impossibile stare fermi ascoltando Live Slow, il nuovo singolo del quintetto britannico, il primo a non essere uno strumentale ma altresì una collaborazione col rapper americano Herbal T

Live Slow inizia in stile soul-jazz anni ’60 à la Herbie Hancock con un contagioso giro di piano uptempo fornito dal leader del gruppo George Cooper, un maestro delle tastiere e noto componente della band funk The Haggis Horns. Sembra quasi di essere in un jazz club degli Swinging 60s, fino all’entrata a gamba tesa di Herbal T che trasforma il brano in un esercizio di stile che fonde jazz e hip hop. 

Tornano alla mente gli ottimi esperimenti in questo campo di Guru’s Jazzmatazz, ed è questa la vena in cui si colloca Live Slow. Musica suonata da una band jazz, con un MC che ci rappa sopra. Il risultato è riuscitissimo, ma la voglia di vivere lentamente l’attesa del nuovo disco, ecco, quella forse, è chiedere troppo! (Adaja Inira)

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, utilizza questo form. Se invece ti piace quello che facciamo, clicca qui e supportaci con una piccola donazione via PayPal, oppure acquista su Amazon il nostro utile quaderno degli appunti. Grazie.