Il sindaco polacco Wojciech Bakun ha accolto Matteo Salvini così…

Ieri, 8 marzo 2022, il leader della Lega Matteo Salvini si è recato in Polonia, precisamente a Przemyśl, ai confini con l’Ucraina. Ecco come lo ha accolto il sindaco Wojciech Bakun.

  • 2Minuti
  • 398Parole

Ieri, 8 marzo 2022, il leader della Lega Matteo Salvini si è recato in Polonia, precisamente a Przemyśl, ai confini con l’Ucraina, per portare la sua solidarietà alla popolazione ucraina che sta fuggendo dalla guerra, meglio ancora, dalla barbara invasione della Russia del dittatore Vladimir Putin.

Alla notizia dell’arrivo di Salvini, il sindaco di Przemyśl Wojciech Bakun, ha manifestato tutto il suo dissenso nei confronti del politico italiano in seguito al suo sostegno per Putin manifestato fino al recente passato quando scriveva, giusto per fare qualche esempio, «Farei cambio tra Renzi e Putin domattina, altro che dittatore» (2014) oppure «Cedo due Mattarella in cambio di mezzo Putin!» (2015), anche se la lista è lunga.

Il sindaco Wojciech Bakun, che sembra faccia riferimento a un partito/movimento polacco di destra radicale/populista, in segno di disapprovazione ha consegnato a Salvini una t-shirt con il volto di Putin, uguale a una già indossata in passato dal leader leghista.

Ecco cosa ha scritto sulla sua pagina FB il sindaco della cittadina polacca Przemyśl.

«Ci sono situazioni in cui devi dire la verità dritta in faccia. Oggi si è verificata una situazione del genere.

Quando ho scoperto che anche il Senatore Matteo Salvini, in visita in Polonia, voleva visitare Przemyśl, ho pensato che fosse una buona occasione per ricordare all’ex vicepremier italiano il suo sostegno alle azioni di Putin in Ucraina!

Nel 2017, Matteo Salvini con la stessa identica maglietta si fa fotografare con lo sfondo del Cremlino, riferendosi a Putin come suo amico e sostenendo l’annessione della Crimea.

Così ho regalato al signor Salvini la stessa identica maglietta, chiedendogli di indossarla e visitare un centro umanitario o il confine con me. Volevo che vedesse con i suoi occhi a cosa ha portato il suo amico, e indirettamente anche LUI, come sostenitore di Putin.

Da due settimane, ogni giorno io, centinaia di agenti e centinaia di volontari vediamo con i nostri occhi questo enorme danno finanziato da Putin e dalla sua gente!

Nessun rispetto, signor Salvini».

Wojciech Bakun (dalla sua pagina FB)

In un momento particolarmente drammatico per l’Ucraina e per l’intera umanità, ci è sembrato giusto sottolineare il gesto del sindaco polacco che, a differenza di molti italiani, ha dimostrato di non avere affatto la memoria corta.

Anche questa notizia, per noi, è informazione culturale, soprattutto alla luce di quanto sta accadendo. (La redazione)

Se ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.