Alatri omaggia Stéphane Grappelli, virtuoso violinista jazz

Alatri intitola una scalinata al celebre musicista francese, alatrense di adozione.

Pubblicato da

Il 4 agosto 2023, alle ore 18.00, si terrà un evento speciale ad Alatri per rendere omaggio a Stéphane Grappelli, celebre violinista jazz.

La cerimonia ufficiale avrà luogo sulla scalinata che collega Via Alcide De Gasperi a Via Calasanzio, la quale sarà intitolata a Grappelli. La targa, appositamente predisposta dal comune di Alatri, riporterà l’iscrizione “Scalinata Stéphane Grappelli (Parigi 1908 – 1997). Violinista jazz, Alatrino di adozione“.

La cerimonia di scoperta della targa sarà solo l’inizio di un evento più ampio che si svolgerà alle ore 19.00, sul palco di Piazza Santa Maria Maggiore. Lo spettacolo intitolato “Da Alatri con amore. Stéphane Grappelli e il suo violino“, scritto da Vanessa Cremaschi, ripercorrerà la vita del famoso violinista jazz attraverso la musica e le parole. La Cremaschi si esibirà al violino e alla voce, accompagnata dal chitarrista Andrea Parente.

L’evento musicale segnerà l’apertura del Festival AlatriJazz 2023” ed è stato organizzato in collaborazione con l’Associazione Gottifredo, la quale si è dedicata negli anni scorsi a numerose iniziative per celebrare il grande musicista. L’associazione ha anche pubblicato l’edizione italiana della sua autobiografia, intitolata In viaggio con il mio violino, tradotta da Paola Rolletta.

Il sindaco Maurizio Cianfrocca si è detto entusiasta di poter intitolare questa scalinata a Stéphane Grappelli, sottolineando l’importanza di preservarne la memoria per le generazioni presenti e future. Cianfrocca ha evidenziato le straordinarie capacità del violinista nel creare sonorità uniche e di altissima classe, definendolo uno dei più grandi, se non il più grande, violinisti jazz del XX secolo.

Stéphane nacque il 26 gennaio 1908 a Parigi da Ernesto Grappelli, traduttore e pubblicista, e Anna Emilie Hanoque, originaria di St. Homer, vicino a Calais. Fin da giovane, Stéphane mostrò un talento precoce per il violino, uno strumento di seconda mano regalatogli dal padre.

La sua vita fu caratterizzata da successi, collaborazioni e invenzioni musicali straordinarie. Nel 1934, insieme a Django Reinhardt, fondò il Quintette du Hot Club de France. Grappelli collaborò con alcuni dei più grandi musicisti del Novecento, come Coleman Hawkins, Oscar Peterson e il violinista classico Yehudi Menuhin, arrivando persino a suonare con i Pink Floyd.

Fu nel 1953 che Stéphane visitò Alatri per la prima volta, su invito della sua amica Bricktop, che aveva aperto un locale notturno in Via Veneto, a Roma. In quel viaggio, Grappelli desiderava scoprire le sue radici, per questo motivo portò con sé le foto di suo padre e dei suoi nonni, assieme al suo violino che considerava una sorta di talismano.

A proposito di Stéphane Grappelli – nella postafzione di In viaggio con il mio violinoTarquini scrive che l’artista «diventato adulto e famoso, cerca le sue radici per non perdersi, per comprendersi. E le rintraccia in una periferia della provincia italiana, dentro una torre che, forse per caso, porta il suo nome, pur depurato della “i” finale francesizzata da un accento, spia della sua emigrazione e segno identitario, ridotto al grado zero, di un artistico vagabondaggio. Radici ben piantate in un giardino che adesso conserva – e sarà così per sempre – l’ultimo, resistente, sbriciolato sedimento materiale della sua anima».

Nella sua casa parigina, Grappelli conservava opuscoli e libri sulla città di Alatri, con la quale era riuscito a mantenere un legame grazie all’amico Gino Minnucci, un appassionato e studioso del posto.

Stéphane Grappelli morì il 1 dicembre 1997, e le sue ceneri furono sparse in varie parti del mondo, compreso il giardino del Palazzo che portava il nome della sua famiglia ad Alatri.

Con l’intitolazione di questa scalinata, il violinista francese sarà finalmente commemorato anche nella città di suo padre, Alatri, dove la sua memoria vivrà in interno anche attraverso l’omaggio di tutti i suoi “concittadini”. (La redazione)

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, scrivici a musicletter@gmail.com. Se invece ti piace quello che facciamo, clicca qui e supportaci con una piccola donazione via PayPal, oppure acquista su Amazon il nostro utile quaderno degli appunti o qualsiasi altro prodotto. Infine, puoi aquistare un qualsiasi biglietto su TicketOne e anche seguirci su Telegram. Grazie

✓ MUSICLETTER.IT © Tutti i diritti riservati - 3 Agosto 2023

MUSICLETTER.IT

Musica, cultura e informazione (dal 2005)