Galleria Borghese e Gallerie Nazionali di Arte Antica uniscono le forze

Un'occasione unica per apprezzare la bellezza intramontabile di queste opere e per celebrare la ricca eredità artistica di Roma

Pubblicato da

Una collaborazione senza precedenti prende vita nel cuore della Città Eterna, dove le Gallerie Nazionali di Arte Antica e la prestigiosa Galleria Borghese uniscono le forze per un progetto straordinario che garantirà al pubblico un’esperienza artistica continua e arricchente.

Dal 29 marzo al 30 giugno 2024, la Galleria Borghese, impegnata in un ambizioso progetto di rinnovamento e tutela con il supporto dei fondi del PNRR, trasferirà cinquanta opere selezionate nell’Ala Sud del piano nobile di Palazzo Barberini. Questa iniziativa, unica nel suo genere, offre un’opportunità imperdibile per mettere in dialogo due delle collezioni più importanti e affascinanti della storia artistica romana.

Le opere, capolavori assoluti di artisti rinomati come Antonello da Messina, Giovanni Bellini, Sandro Botticelli, Raffaello, Peter Paul Rubens, Tiziano e Paolo Veronese, continueranno ad essere fruibili dal grande pubblico durante il periodo di rinnovamento della Galleria Borghese.

Thomas Clement Salomon, direttore delle Gallerie Nazionali di Arte Antica, ha sottolineato l’importanza istituzionale di questo evento, mentre Francesca Cappelletti, direttrice della Galleria Borghese, ha annunciato che nonostante i lavori in corso, la Galleria Borghese rimarrà aperta al pubblico, offrendo la possibilità di ammirare il suo patrimonio artistico.

La mostra a Palazzo Barberini, oltre a mantenere visibile il patrimonio della Galleria, permetterà di stabilire nuovi rapporti e risonanze con un’altra eccezionale collezione barocca e con un’importante istituzione museale.

Presso la Galleria Borghese, i lavori del PNRR comprenderanno interventi significativi, tra cui la sostituzione delle tappezzerie, l’ammodernamento degli infissi per l’efficientamento energetico, l’ampliamento dell’accessibilità culturale, l’aggiornamento dei depositi e il restauro di alcune opere di grande rilevanza. Il progetto sarà presentato come prologo alla mostra in Palazzo Barberini.

A Palazzo Barberini, durante il temporaneo disallestimento delle sale dell’Ala Sud, verrà condotta un’approfondita campagna fotografica e di conservazione preventiva delle opere, offrendo agli appassionati d’arte uno sguardo privilegiato dietro le quinte del mondo dell’arte barocca, dal Seicento napoletano alla collezione settecentesca. Un’occasione unica per apprezzare la bellezza intramontabile di queste opere e per celebrare la ricca eredità artistica di Roma. (La redazione)

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, scrivici a musicletter@gmail.com. Se invece ti piace quello che facciamo, clicca qui e supportaci con una piccola donazione via PayPal, oppure acquista su Amazon il nostro utile quaderno degli appunti o qualsiasi altro prodotto. Infine, puoi aquistare un qualsiasi biglietto su TicketOne e anche seguirci su Telegram. Grazie

✓ MUSICLETTER.IT © Tutti i diritti riservati - 8 Marzo 2024

MUSICLETTER.IT

Musica, cultura e informazione (dal 2005)