Articolo

L’Antitrust UE multa Apple per abuso di posizione dominante

La Commissione Europea ha multato per oltre 1,8 miliardi di euro Apple per abuso di posizione dominante nel mercato dello streaming musicale

Pubblicato da

Secondo quanto diffuso dai principali media, la Commissione Europea ha inflitto ad Apple una multa di oltre 1,8 miliardi di euro, accusandola di abuso della sua posizione dominante nel settore della distribuzione di app di streaming musicale per gli utenti iPhone e iPad attraverso l’App Store.

La decisione è stata presa sulla base di presunte restrizioni imposte da Apple agli sviluppatori di app, impedendo loro di informare gli utenti iOS su servizi di abbonamento alternativi e più economici al di fuori dell’ecosistema Apple, violando così le norme antitrust dell’UE.

La dichiarazione sul social media X di Margrethe Vestager, vice presidente della Commissione europea

Apple respinge le accuse e puntualizza sul ruolo di Spotify

In risposta alla multa, Apple ha contestato energicamente le affermazioni della Commissione, affermando che non esistono prove credibili di danni ai consumatori. L’azienda ha sottolineato che Spotify, il principale beneficiario della decisione, detiene già una quota di mercato del 56% nel settore dello streaming musicale in Europa, superando di gran lunga i concorrenti. Apple ha evidenziato che Spotify, pur beneficiando dell’App Store, non paga nulla all’azienda per i servizi che ha contribuito a renderla uno dei marchi più riconoscibili al mondo.

La posizione di Apple sulle regole dell’App Store

Apple ha accusato Spotify di voler riscrivere le regole dell’App Store a suo vantaggio, sottolineando che la società svedese ha scelto di non vendere abbonamenti direttamente attraverso la sua app, ma piuttosto sul proprio sito web per evitare le commissioni di Apple. La società ha difeso la sua posizione, sottolineando che Spotify ha accesso a oltre 250 mila API di Apple e beneficia di numerosi strumenti e tecnologie forniti dall’azienda senza alcun costo.

La risposta degli utenti e delle organizzazioni dei consumatori

L’intervento della Commissione europea è stato accolto positivamente dall’organizzazione europea dei consumatori Beuc, che ha definito la multa un segnale forte a favore dei consumatori. La direttrice generale Beuc, Monique Goyens, ha dichiarato che questa decisione dovrebbe garantire ai consumatori europei il diritto di accedere a informazioni sulle alternative più economiche dei servizi di streaming musicale senza ostacoli da parte di Apple. Beuc auspica che l’applicazione del Digital Markets Act possa contribuire a favorire un ambiente digitale più competitivo e vantaggioso per i consumatori.

In conclusione, la multa a Apple segna un importante sviluppo nel contesto delle norme antitrust dell’UE e solleva questioni cruciali sulla concorrenza nel mercato dello streaming musicale, richiamando l’attenzione sugli equilibri di potere tra i giganti tecnologici e gli sviluppatori indipendenti. (La redazione)

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, scrivici a musicletter@gmail.com. Se invece ti piace quello che facciamo, clicca qui e supportaci con una piccola donazione via PayPal, oppure acquista su Amazon il nostro utile quaderno degli appunti o qualsiasi altro prodotto. Infine, puoi aquistare un qualsiasi biglietto su TicketOne e anche seguirci su Telegram. Grazie

✓ MUSICLETTER.IT © Tutti i diritti riservati - 17 Marzo 2024

MUSICLETTER.IT

Musica, cultura e informazione (dal 2005)