Articolo

Servi d’Italia: quando il potere si confonde con il servizio pubblico

In un Paese come l'Italia, con una storia ricca e complessa, è essenziale preservare l'indipendenza e l'autonomia delle istituzioni pubbliche, altrimenti rischiamo di diventare servi del potere anziché servitori della collettività.

Pubblicato da

Nel tessuto della società italiana, le istituzioni pubbliche e le aziende partecipate dello Stato dovrebbero rappresentare il baluardo della neutralità e della professionalità. Tuttavia, l’incidenza del potere politico su di esse sembra, oggi più di ieri, diventare sempre più invadente e sfacciato, minando il principio stesso di autonomia e imparzialità che dovrebbe caratterizzarle.

Recenti episodi – dal caso Scurati alle t-shirt di partito sfoggiate da dirigenti di nomina pubblica alla convention di Fratelli d’Italia – hanno messo in luce questa deriva preoccupante, che non solo compromette l’efficienza e l’integrità delle istituzioni, ma erode anche la fiducia dei cittadini nell’apparato statale.

L’ombra del conflitto d’interessi e della strumentalizzazione politica si è fatta densa, offuscando il principio di neutralità che dovrebbe caratterizzare soprattutto il servizio pubblico radiotelevisivo. Ma come detto pocanzi non è solo nell’ambito dell’informazione che si avverte questa influenza politica. Durante la recente manifestazione di Fratelli d’Italia a Pescara, alcuni dirigenti di aziende con partecipazione statale si sono mostrati pubblicamente con le t-shirt del partito, trasformando il loro ruolo di “referenti istituzionali” in una sorta di tifosi di calcio.

Questi episodi non sono solo sintomi di una politica spregiudicata, ma anche indicatori di una cultura aziendale che sembra aver perso di vista la propria missione di servizio pubblico. In un contesto in cui la meritocrazia e la competenza dovrebbero essere i criteri guida per la selezione dei dirigenti, assistiamo invece a nomine dettate più dall’appartenenza politica che dalla capacità professionale.

Questa deriva non solo danneggia l’efficacia e l’efficienza delle istituzioni pubbliche, ma mina anche la fiducia dei cittadini nel sistema democratico. È urgente un ripensamento profondo delle modalità di selezione e gestione delle aziende pubbliche, per garantire un servizio realmente orientato al bene comune e immune dalle interferenze politiche.

In un Paese come l’Italia, con una storia ricca e complessa, è essenziale preservare l’indipendenza e l’autonomia delle istituzioni e dei servizi pubblici, altrimenti rischiamo di diventare servi del potere anziché servitori della collettività. (La redazione)

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, scrivici a musicletter@gmail.com. Se invece ti piace quello che facciamo, clicca qui e supportaci con una piccola donazione via PayPal, oppure acquista su Amazon il nostro utile quaderno degli appunti o qualsiasi altro prodotto. Infine, puoi aquistare un qualsiasi biglietto su TicketOne e anche seguirci su Telegram. Grazie

✓ MUSICLETTER.IT © Tutti i diritti riservati - 1 Maggio 2024

MUSICLETTER.IT

Musica, cultura e informazione (dal 2005)