Bruce Sudano. Un album di inediti nato a Milano

Il cantautore Bruce Sudano, già leader dei Brooklyn Dreams, è noto ai più per aver scritto canzoni per Dolly Parton, Michael Jackson e Donna Summer.

  • 4Minuti
  • 826Parole

Ode to a Nightingale è il nuovo album di inediti del cantautore americano Bruce Sudano, conosciuto ai più per aver scritto brani per personaggi come Dolly PartonMichael Jackson e Donna Summer.

Il nuovo disco ha preso forma partendo da sessioni soliste nel proprio home studio di Milano, città in cui spesso il cantautore risiede quando non è a Los Angeles.

Vivo metà della mia vita lì (Milano, ndr). Mi trovavo nel mio studio a eseguire tutte le voci e le parti di chitarra, le ho inviate via email al mio produttore di L.A. Randy Ray Mitchell che vi ha aggiunto chitarre e basso. Poi, a seconda della canzone, abbiamo usato il batterista che più ci sembrava appropriato per quella.

Bruce Sodano

In Ode to a Nightingale è stata data un’attenzione particolare alla parte armonica.

Vengo da una tradizione di armonie con i Brooklyn Dreams e sono cresciuto alla fine dell’epoca del doo-wop. L’abilità di fare armonie, di crearle, è un dono che ho un po’ignorato in questa mia evoluzione che ho compiuto come cantautore.

Bruce Sudano

L’album parte con l’esultante Cosmic Ride  che, ammette lo stesso Sudano, risulterà familiare ai fan di un certo leggendario gruppo.

Sia io che Randy proviamo grande affetto per i Traveling Wilburys e lo stile di Jeff Lynne nella produzione. Per Cosmic Ride abbiamo entrambi pensato che avrebbe funzionato bene in quel modo. Non ci siamo sbagliati, è stato proprio voluto. È scaturito dall’amore e dall’apprezzamento per quello stile e quelle sonorità.

Bruce Sudano

La title track – che non prende il suo nome dall’omonimo poema romantico scritto da John Keats 1819, bensì fa riferimento al linguaggio figurato presente nel lavoro del poeta e regista italiano Pier Paolo Pasolini – è stata scritta all’indomani delle elezioni del 2020 e fa ampio ricorso della stessa carica politica che ha alimentato The MountainAmerican Sunset e For the Sake of Humanity, brani inclusi in Spirals Vol. 1: Not a Straight Line to Be FoundSpirals Vol. 2: Time and the Space In Between, suoi mini-album usciti l’anno scorso.

Vedo l’usignolo come una voce nel buio che, cantando con speranza splendide melodie, ci guida fuori dall’oscurità, verso l’alba, la luce di un nuovo giorno.

Bruce Sudano

Allo stesso modo, nel brano di chiusura All Hands, Bruce ci mette in guardia contro la noncuranza.

Non volevo che questo disco risultasse pesante e cupo come altre cose che ho scritto nel passato. Ho subito tante perdite e ho già scritto molto di queste. La mia intenzione era che questo nuovo lavoro fosse una piccola luce e perciò ho voluto rivisitare la parte vocale dandole qualche elemento pop in più.

Bruce Sudano

La sognante In Shadowland – lanciata da un video visionario diretto dal regista italiano Furio Ganz, con effetti visivi di Claudio Bellini e con la partecipazione di Maria Roveran – non può e non deve essere etichettata in alcun modo.

Ho deciso che non spiegherò questa canzone, poiché è un’illusione: è un’illusione a livello di testo, a livello di suono e a livello di immagine quando si guarda il video. Chiunque abbia ascoltato il brano o visto il video, fino ad ora, ha avuto una propria interpretazione. Se sei abbastanza sensibile da ascoltare il tuo spirito interiore, la tua voce interna, allora capirai che si tratta proprio di questo intero mondo di ombre.

Bruce Sudano

Sicuramente in Ode To A Nightingale non mancano momenti più seri e di introspezione ma con questo lavoro Bruce Sudano non vuole essere in alcun modo greve. 

Non volevo che questo disco risultasse pesante e cupo come altre cose che ho scritto nel passato. Ho subito tante perdite e ho già scritto molto di queste. La mia intenzione era che questo nuovo lavoro fosse una piccola luce e perciò ho voluto rivisitare la parte vocale dandole qualche elemento pop in più.

Bruce Sudano

La gioiosa Do Be Do (Daytrippin’) è stata ispirata dal tempo trascorso con la moglie Francesca, sposata nel febbraio 2020, nei mesi successivi allo scoppio della pandemia.

C’è un po’di escapismo nel suo testo. C’è la realtà di quello che sta accadendo nel mondo, le paure e i dubbi che tutti noi abbiamo, ma ora stiamo solo godendo della compagnia l’uno dell’altra, senza prendere le cose troppo seriamente. Per ora ci stiamo divertendo.

Bruce Sudano

In Fatal Love e Not Your Hero si parla invece di storie d’amore. Nel complesso, però, il cantautore e compositore statunitense concepisce Ode To A Nightingale come una somma delle proprie capacità musicali.

Tendo a scrivere cinque tipi di brani – una canzone filosofica, una spirituale, una d’amore, una di coscienza sociale, o una narrativa. Se guardo indietro a questo disco, credo di aver colpito tutti i punti, di aver scritto tutti questi tipi di canzoni.

Bruce Sudano

Ode To A Nightingale è stato pubblicato il primo ottobre 2021 da Purple Heart Recording Co. (La redazione)

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, utilizza questo form. Se invece ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.