Aperta inchiesta giudiziaria per il Jova Beach Party a Viareggio

Si apprende dall’Agenzia Giornalistica Italiana che la Procura della Repubblica di Lucca, su esposto di un’associazione ambientalista, ha aperto un fascicolo per indagare sul doppio concerto che Jovanotti terrà alla darsena di Viareggio, sulla spiaggia del Muraglione, il 2 e 3 settembre 2022.

  • 1Minuto
  • 184Parole

Quella del Jova Beach Party 2022 sembra ormai una vicenda senza fine, tra polemiche e battibecchi tra chi è a favore e chi è contro il tour sulle spiagge di Lorenzo Jovanotti Cherubini.

Una vicenda che ha coinvolto anche il geologo e divulgatore scientifico Mario Tozzi al quale ha prontamente risposto il rapper italiano.

Una polemica alimentata – a ragione o a torto – soprattutto dagli ambientalisti che vedono in questi concerti affollatissimi uno stravolgimento dell’habitat naturale.

Eventi musicali che coinvolgono, prima e dopo, anche un numero notevole di lavoratori dello spettacolo così come di mezzi e macchinari.

Dunque, sulla scia di questa disputa, si apprende dall’Agenzia Giornalistica Italiana che la Procura della Repubblica di Lucca, su esposto di un’associazione ambientalista, ha aperto un fascicolo per indagare sul doppio concerto che Jovanotti terrà alla darsena di Viareggio, sulla spiaggia del Muraglione, il 2 e 3 settembre 2022.

È bene sottolineare, così come scrive l’AGI, che al momento sembra che non vi siano iscritti ancora iscritti nel registro degli indagati e che l’esposto contro ignoti sia basato su una relazione di un professore dell’Università di Trieste. (La redazione)

Se ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.