«Pianeti», il secondo album del duo veneto Bob Balera

Per loro stessa ammissione i Bob Balera nascono con uno scopo preciso, quello di riproporre in chiave moderna il caratteristico sound della canzone italiana degli anni a cavallo tra i decenni ‘70 e ‘80.

  • 2Minuti
  • 274Parole

Chitarre elettriche a profusione, un certo orientamento al rock e ritmi accattivanti, qualche ballata: non si può certo dire che manchino di attrattiva e di energia, i dieci pezzi di Pianeti, secondo album – dopo È difficile trovarsi, uscito nel 2017 – del duo veneto Bob Balera composto da Romeo Campagnolo (voce) e Matteo Marenduzzo (basso, chitarra acustica).

Uscito per Dischi Soviet Studio, il disco (dieci tracce per un totale complessivo d’ascolto musicale pari a circa 35 minuti) è stato anticipato da due singoli con i relativi videoclip di due tra i brani di più grande presa: Rimini e Dimmi Che.

Un lavoro che non brilla per originalità, dal momento che ripropone sonorità e ritmi ben conosciuti che tanta fortuna hanno riscosso nei decenni Settanta e Ottanta del secolo scorso, ma che tuttavia mostra di avere tutte le carte in regola per piacere agli estimatori delle proposte musicali più disimpegnate.

Per loro stessa ammissione i Bob Balera nascono con uno scopo preciso, quello di riproporre in chiave moderna il caratteristico sound della canzone italiana degli anni a cavallo tra i decenni ‘70 e ‘80 sul solco di artisti quali Lucio Battisti (bella la cover di L’aquila), Matia Bazar, Enzo Carella e così via.

Rock, pop, cantautorato d’antan (quello più leggero), contenuti che si soffermano malinconicamente e con disincanto su dinamiche amorose ed esistenziali, Pianeti indulge nella melodia con l’obiettivo dichiarato di soddisfare la voglia di ballare di coloro che frequentano i locali dove si ascolta musica d’evasione. (Giovanni Graziano Manca)

CLICCA QUI E ASCOLTA

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, utilizza questo form. Se invece ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.