La musica jazz del sudafricano Tumi Mogorosi

«Group Theory: Black Music» è il nuovo straordinario album di musica jazz del batterista e compositore sudafricano Tumi Mogorosi. Un disco che unisce uomini e culture della diaspora africana.

  • 1Minuto
  • 201Parole

Group Theory: Black Music è il nuovo straordinario album del batterista e compositore sudafricano Tumi Mogorosi.

Alla maniera di Louis Moholo-Moholo, Makaya Ntshoko e Ayanda Sikade, Mogorosi è un batterista dallo stile flessibile e potente che porta con sé la tradizione poliritmica africana tipica di grandi personaggi come Elvin Jones, Max Roach e Art Blakey.

Già a partire dal suo debutto internazionale su Jazzman Records nel 2014 con Project ELO, Tumi Mogorosi ha rivelato fin da subito il suo talento di musicista creativo e avanguardista della nuova scena sudafricana, guadagnandosi un posto come batterista negli Shabaka and the Ancestors.

Group Theory: Black Music segna il ritorno alle radici musicali del batterista sudafricano con sonorità jazz che guardano alla tradizione transnazionale della “Great Black Music”.

Sono davvero tanti (e bravi) i musicisti e cantanti che partecipano a questo nuovo e fagocitante lavoro discografico di Tumi Mogorosi uscito l’8 luglio 2022 per Mushroom Hour Half Hour.

Un disco jazz che in undici passaggi unisce uomini e culture della diaspora africana. (La redazione)

CLICCA QUI E ASCOLTA

Se ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.