Rossana Casale celebra Joni Mitchell con un nuovo album

«Ci sono testi che sento in maniera particolare come, ad esempio, Song to a Seagull o Both Sides Now. Sembrano fotografie della mia vita» (Rossana Casale)

  • 3Minuti
  • 515Parole

In uscita il 4 novembre 2022, JONI è il nuovo lavoro discografico di Rossana Casale. Un tributo dell’artista italiana alla cantautrice Joni Mitchell. Un disco composto da 14 tracce, tra cui l’inedita In and Out of Lines, omaggio della Casale alla stessa Mitchell.

L’album, realizzato in studio e cantato in diretta con i suoi musicisti, è un viaggio intenso e poetico di 70 minuti attraverso alcune delle canzoni più importanti della Mitchell.

Ci sono testi che sento in maniera particolare come, ad esempio, Song to a Seagull o Both Sides Now. Sembrano fotografie della mia vita.

Rossana Casale

Molti dei brani scelti per la scaletta fanno parte degli album Ladies of the Canyon del ’69 e Blue del ’70, anni nei quali la Casale racconta di aver trovato la chitarra della sorella e di aver iniziato a suonare i primi accordi.

Di notte lasciavo le tapparelle alzate e mi chiudevo in camera al buio, sdraiata sul letto con la chitarra sulla pancia, cercando di trovare quegli accordi aperti così strani. Erano astronavi che portavano via dalla realtà, erano magici e io non potevo farne senza. Grazie alle canzoni di Joni in quegli anni ho deciso che la mia vita sarebbe stata la musica.

Rossana Casale

Come in tutti i suoi album precedenti, da Strani frutti a Jaques Brel in me, Il Signor G e l’Amore, anche in JONI la musicista e cantante italiana dà al jazz il compito di unire brani diversi in un unico racconto fatto di momenti profondi come in For the Roses o A case of you, alternati ad altri fatti di gioco, come in The Dry Cleaner from des Moines (dall’album Mingus) o Carey etnico e solare.

In The Jungle Line (da The Hissing of the Summer Lawns), Rossana Casale recita il testo in un ambiente astratto che sovrappone il grido della città ai richiami della giungla, una visione che la Mitchell vive in un jazz club che la porta a confondere volontariamente i quadri di Henri Rousseau alla tappezzeria che vede sui muri. Era il momento della sua grande trasformazione artistico-musicale, il 1975.

In Blue Medley, Rossana unisce tre brani dall’omonimo album, in un arrangiamento fatto per voce e chitarra sole.

La personalità di Joni è immensa. L’unico modo per affrontare questi brani storici era di spogliarli dal loro cuore originale e in un atto di umiltà e coraggio, portarli a me.

Rossana Casale

L’ultima traccia è l’inedito che la Casale dedica alla Mitchell In and out of Lines. Il testo è dedicato alle delicate emozioni della scrittura, ai conflitti interiori che nascono quando si sente la necessità di «…affondare le mani nei propri fondali, nei propri segreti, nel perdono mai cantato e le rime mai trovate», come scrive Rossana. Ma alla fine «…nella mia mente di cristallo, dove le rose fioriscono come lune rosse piene, nascono nuove righe che crescono in sfumature di arcobaleno».

L’album è prodotto dalla stessa Casale ed è interamente arrangiato insieme ai suoi musicisti che sono: Emiliano Begni al pianoforte, Francesco Consaga al sax soprano e flauto traverso, Ermanno Dodaro al contrabbasso e Gino Cardamone alla chitarra. (La redazione)

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, utilizza questo form. Se invece ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.