Il tributo a Joni Mitchell di Rossana Casale

Sarà un tributo a Joni Mitchell il nuovo album di Rossana Casale che uscirà il 7 novembre 2022 per Egea Music

  • 2Minuti
  • 378Parole

Sarà un tributo a Joni Mitchell il nuovo album di Rossana Casale che uscirà il 7 novembre 2022 per Egea Music. Lo svela lei stessa dal suo account di Instagram sul quale nelle settimane scorse erano apparsi scatti che la ritraevano sorridente in studio dove ha già registrato 8 brani dei 13 che comporranno la tracklist.

Cara Joni, volevo farlo a settembre, a conclusione della rec ma dato che sei ricomparsa a sorpresa dopo vent’anni al Newport Folk Festival, inondandoci del tuo cuore e carisma, della tua poesia e forza, lo farò ora. Il 7 novembre, giorno del tuo compleanno, uscirà per Egea Music il mio tributo a te. Dodici brani e un inedito, realizzati con quattro straordinari musicisti. Sono emozionata e felice e non vedo l’ora che esca.

Rossana Casale (da Instagram)

Joni Mitchell, che a novembre festeggia 79 anni, è considerata la grande madre del cantautorato americano. Il suo stile si muove tra il folk e il jazz, tra il pop, il rock e la world beat. Nella sua lunga carriera ha registrato più di 25 album ispirando, con la sua musica e i suoi testi densi di poesia e immagini, artisti di tutto il mondo. Nel 2021 ha ricevuto uno dei premi più ambiti negli USA, conferiti a coloro che si sono distinti per il loro contributo all’arte e alla cultura, i Kenneddy Center Honors e nel 2021 un riconoscimento ai Grammy Awards.

Dopo vent’anni lontana dalle scene e un aneurisma che l’ha colpita nel 2015, è tornata a sorpresa sul palcoscenico del Newport Folk Festival incantando il pubblico presente e ottenendo milioni di visualizzazioni sul web.

La Casale (classe 1959 e 18 album all’attivo), condivide con la Mitchell oltre che una vocalità leggera ma intensa, oggi più grave ed espressiva, soprattutto la scelta di un percorso artistico che trova le sue radici nel jazz e nel pop cantautorale ma che nel tempo ha ricercato contaminazioni sia nelle sonorità africane (Lo Stato Naturale del1991), che nelle essenzialità del teatro canzone (Il Signor G e l’Amore del 2014).

I suoi preziosi Jazz in me, Billie Holiday in me, Jaques Brel in me, Strani Frutti e quello sopracitato dedicato a Giorgio Gaber, creano sicuramente la curiosità e l’attesa per questo nuovo, importante album tributo. (La redazione)

Se ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.