Categorie
Musica Politica Sociale Spettacolo Ultime Notizie

Torna «Bauli in Piazza». Il 17 aprile, a Roma, la seconda manifestazione nazionale del settore dello spettacolo e degli eventi

Sabato 17 aprile 2021, in Piazza del Popolo a Roma, si svolgerà la seconda manifestazione nazionale di Bauli in Piazza, il movimento nato con lo schieramento di 500 bauli davanti al Duomo di Milano, che raccoglie tutti coloro che lavorano nel settore eventi, spettacolo, fiere, congressi e musica dal vivo, oggi in ginocchio a causa della peggiore crisi che abbia mai attraversato.  (Leggi di più)

Categorie
Curiosità Musica Politica Ultime Notizie

Quando Christine Lagarde citò “Anthem” di Leonard Cohen per omaggiare Mario Draghi

Come ben sapete il 28 ottobre 2019, a Francoforte, avvenne il passaggio di consegne tra il Presidente uscente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, e la Presidente entrante, Christine Lagarde. (Leggi di più)

Categorie
Musica Politica Streaming

A Promised Land: ascolta la playlist di Barack Obama

L’ex Presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama pubblica sulla sua pagina FB una playlist di 20 brani dal titolo A Promised Land, che motiva così: (Leggi di più)

Categorie
Musica Politica Sociale Ultime Notizie

Elezioni USA 2020. Mick Jagger: «Non vedo l’ora di tornare in un’America libera da parole dure e insulti».

Il 20 gennaio 2021 si insedieranno alla Casa Bianca il Presidente eletto Joe Biden e la sua vicepresidente Kamala Harris. (Leggi di più)

Categorie
Politica Sociale Ultime Notizie

Le reazioni delle celebrità alla vittoria di Joe Biden e Kamala Harris

Il democratico Joe Biden ha vinto le elezioni americane 2020 ed è diventato il 46° Presidente degli Stati Uniti d’America che il 20 gennaio 2021 prenderà il posto di Donald Trump alla Casa Bianca. (Leggi di più)

Categorie
Musica Politica Streaming Ultime Notizie Video

10 canzoni sugli Stati Uniti d’America

Oggi, 3 novembre 2020, nel giorno della 59esima elezione del Presidente degli Stati Uniti d’America, che vede da un lato il democratico Joe Biden e dall’altro il repubblicano Donald Trump, in cui i cittadini saranno chiamati a eleggere i “grandi elettori” che il 14 dicembre prossimo si riuniranno per eleggere il capo della Casa Bianca assieme al suo vice, abbiamo pensato di stilare questa breve, e sicuramente incompleta, lista di canzoni sugli Stati Uniti d’America. (Leggi di più)

Categorie
Curiosità Politica

Antonio Razzi: il trapper della politica italiana

Parlamentare italiano dal 2006 al 2013 con Italia dei Valori, Noi Sud e Popolo e Territorio, e dal 2013 al 2018, con Popolo della Libertà e poi Forza Italia, Antonio Razzi è in qualche modo l’emblema di un certo modo di fare politica in Italia in questi ultimi decenni. (Leggi di più)

Categorie
Musica Politica

Sanremo 2020: scoppia il caso del rapper Junior Cally.

Sanremo 2020: scoppia il caso del rapper Junior Cally.
Secondo quanto si apprende dal sito de La Repubblica, un gruppo di parlamentari donne di vari schieramenti contestano la presenza in gara del rapper Junior Cally che in passato ha firmato brani “pieni di violenza, sessismo e misoginia”. Sul caso interviene Marcello Foa, presidente della Rai, che esprime “forte irritazione per scelte che vanno nella direzione opposta rispetto a quella auspicata”. (Leggi di più)

Categorie
Cultura Libri Politica Ultime Notizie

Solidarietà a La Pecora Elettrica, caffetteria-libreria antifascista.

Solidarietà alla Pecora Elettrica, caffetteria-libreria antifascista
Lo scorso 25 aprile prese fuoco a Roma, per cause ancora ignote, probabilmente per un atto vandalico, La Pecora Elettrica di via delle Palme. (Leggi di più)

Categorie
Musica Politica Sociale Ultime Notizie

L’appello di Wikipedia circa il voto del Parlamento europeo sulla nuova direttiva del diritto d’autore | Notizie

L'appello di Wikipedia circa il voto del Parlamento europeo sulla nuova direttiva del diritto d'autore | Notizie
Pubblichiamo l’appello della piattaforma enciclopedica Wikipedia circa il voto del Parlamento europeo di domani 26 marzo 2019 sulla nuova direttiva del diritto d’autore. (Leggi di più)

Categorie
Musica Politica Streaming Ultime Notizie Video

Politica: il nuovo singolo del rapper afroitaliano Tommy Kuti | Notizie | Video

Politica: il nuovo singolo del rapper afroitaliano Tommy Kuti
Politica è il nuovo singolo del giovane rapper afroitaliano Tommy Kuti. Nella canzone dal sound afrobeat, l’artista si diverte a fotografare l’Italia del 2019 attraverso le sue rime taglienti e critiche. (Leggi di più)

Categorie
Musica Politica Ultime Notizie

Walter Veltroni è il Bob Dylan della politica italiana. Parola di Matteo Renzi.

walter-veltroni.jpg
Rolling Stone Italia di novembre intervista Matteo Renzi, dedicandogli, oltretutto, la copertina sulla quale campeggia la scritta The Young Pop: chiaro riferimento, opportunamente riformulato, alla celebre serie televisiva The Young Pope di Paolo Sorrentino. (Leggi di più)

Categorie
Contest Europa Musica Politica

Un disco per l’Europa: Tidal Songs di Oceans on The Moon

oceans-on-the-moon.jpg
Sono gli Oceans on The Moon (New Model Label, 2014) con l’album Tidal Songs i protagonisti del nuovo appuntamento di Un disco per l’Europa (rubrica musicale realizzata presso lo Studio Europa da Thierry Vissol della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea in collaborazione con Luca D’Ambrosio di Musicletter.it, con la conduzione in studio di Luca Singer e l’assistenza in regia di Tomasz Koguc). La formazione genovese è stata scelta e segnalata con il brano Nuvole nel corso della trasmissione “22 minuti, una settimana d’Europa in Italia” di venerdì 15 maggio 2015 in podcasting sulla radio europea Euradionantes.eu e su tutto il circuito italiano di 93 radio locali e regionali, nonché su più di 100 siti italiani della rete Europedirect. Per partecipare al programma radiofonico basta scrivere a musicletter@gmail.com. (La redazione) (Leggi di più)

Categorie
Fumetto Libri Notizie & Comunicati Politica

Libertà di espressione in Europa: un libro a cura di Dino Aloi e Thierry Vissol

libro-europa-2015.jpg
A partire da oggi è possibile scaricare gratuitamente Libertà di espressione in Europa, un e-book realizzato dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea e curato da Dino Aloi e Thierry Vissol. Una raccolta di osservazioni, pensieri, punti di vista che vede la prefazione di Lucio Battistotti e illustrato meravigliosamente dal talento di decine di vignettisti europei (contemporanei e storici) che ci aiuteranno a riflettere, con una buona dose di ironia o meglio di satira, su un valore importante e fondamentale – sancito dall’articolo 11 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea – quale appunto la “libertà di espressione”. Buona lettura. (Fonte: Edizioni il Pennino) (Leggi di più)

Categorie
Cultura Europa Film al cinema e in TV Musica Notizie & Comunicati Podcast Politica

Il Senato approva il decreto Valore Cultura

Massimo-Bray.jpg
Con 175 voti favorevoli, 18 contrari e 54 astensioni il Senato della Repubblica Italiana, oggi, mercoledì 25 settembre 2013, ha dato il via libera al decreto legge n. 91 (Valore Cultura), recante la valorizzazione dei beni e delle attività culturali (ddl n. 1014). Il provvedimento passa ora all’esame della Camera. Il relatore, sen. Marcucci, ha sottolineato che la proposta governativa è volta a garantire misure immediate di tutela, restauro e valorizzazione del patrimonio culturale italiano, in particolare per il sito Unesco delle «Aree archeologiche di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata», per la prosecuzione delle attività di inventariazione e digitalizzazione del patrimonio culturale italiano, per l’attuazione del progetto «Nuovi Uffizi» e per la realizzazione del Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah. Il decreto comprende, inoltre, disposizioni urgenti per il rilancio del cinema, delle attività musicali e dello spettacolo dal vivo, al fine di rilanciare il settore, ponendo rimedio a condizioni di difficoltà economico-finanziaria e patrimoniale di taluni enti lirici e ripristinando condizioni minime di programmazione e attrattività nel territorio italiano per l’industria di produzione cinematografica. Per saperne di più clicca qui. (Fonte: Senato della Repubblica Italiana / Nella foto: Massimo Bray, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo) (Leggi di più)

Categorie
Altro Cultura Musica Notizie & Comunicati Politica

Tax Credits: AudioCoop si complimenta con il Ministro Bray

Audiocoop-.JPG
Al termine del Consiglio dei Ministri di ieri 2 agosto a Roma, il ministro per il Turismo e i Beni Culturali Massimo Bray ha annunciato l’introduzione di un tax credit pari a 5 milioni di euro a favore del settore musicale nell’ambito del “Decreto Valore” recante disposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei Beni e delle Attività Culturali: ne beneficeranno compositori emergenti e giovani artisti per quanto riguarda la pubblicazione di opere prime e seconde, senza distinzione di genere. “AudioCoop, il coordinamento di etichette discografiche indipendenti, promotore del Mei, che si terrà a Faenza dal 27 al 29 settembre 2013, si complimenta con il Ministro Bray aver raggiunto in poco tempo questo importante obiettivo per la filiera produttiva musicale con particolare attenzione per le imprese di produzione musicale per giovani esordienti. Si tratta di un importante intervento per promuovere i nuovi talenti con particolare riferimento alle tante produzioni indipendenti presenti nel nostro paese“, hanno commentato Giordano Sangiorgi, Luca Fornari e Giampiero Bigazzi del Comitato di Presidenza di AudioCoop. “Va espresso un plauso al Ministro Bray per aver individuato un modello di incentivazione anche per le etichette discografiche musicali, e di avere accolto i suggerimenti provenienti dal settore, che possono guardare al futuro e agli investimenti nel settore anche per l’online e per l’estero con una maggiore serenità e sapendo di avere al fianco il Ministero dei Beni Culturali“. “È il primo passo di un percorso importante che certamente faremo insieme al Ministro Bray” – prosegue AudioCoop – “competente e attento al settore musicale come elemento di traino della cultura, dell’economia e della coesione sociale di un paese, che non potrà che portare ad altri positivi risultati come, a costo zero per il Governo, le facilitazioni per fare musica dal vivo per le band emergenti e una quota per favorire come in Francia gli ingressi in radio e TV nazionali dei giovani talenti che producono nuova musica, l’allestimento di un Tavolo a livello nazionale unitario per il settore per affrontare insieme tutte le tematiche, un ammodernamento dei meccanismi del Fondo Unico per lo Spettacolo capaci di riconoscere anche l’importante lavoro culturale delle musiche attuali, oltre a una presenza unitaria di tutto il settore in tutte le spedizioni del made in Italy musicale all’estero”. Un grande applauso per l’obiettivo raggiunto al Ministro Bray dal mondo della musica indipendente. (Fonte: Audiocoop) (Leggi di più)

Categorie
Altro Arte Concorso Contest Cultura Europa Eventi Film al cinema e in TV Free download Fumetto Interviste Libri Live Live Rewiew Musica News & Releases Notizie & Comunicati Pittura Podcast Politica Radio Recensioni Rubrica Speciali Spot Streaming Teatro Televisione Uscio e bottega Video

ML – Indie News 2: scarica e leggi il nuovo PDF

2.jpg
Pronto per essere scaricato e letto il numero 2 di ML – Indie News: il nuovo bollettino indipendente d’informazione musicale e culturale che racchiude le ultime notizie e recensioni pubblicate dal nostro blog. Il notiziario ha cadenza più o meno settimanale ed è scaricabile gratuitamente (in formato PDF) attraverso questo link. Buona lettura. (Fonte: ML) (Leggi di più)

Categorie
Altro Cultura Musica News & Releases Notizie & Comunicati Podcast Politica

Musica & Cultura: l’appello del MEI al Governo Letta

MEI-2.0.jpg
Oggi mentre il Governo Letta parla di interventi a favore dello sviluppo e dell’occupazione principalmente giovanile si rinnova l’appello lanciato dall’Agenda della Cultura e della Musica diffuso dal MEIMeeting delle Etichette Indipendenti a favore di alcuni semplici interventi a costo zero per il Governo con un aumento immediato dell’occupazione nel settore musicale che soffre da tempo a causa dell’innovazione tecnologia, dei tagli nel settore e della crisi. È un documento semplice di richieste sul tema della cultura e della musica che a febbraio hanno siglato circa 30 associazioni nazionali del settore e oltre 1000 operatori professionali del settore. Si tratta di una proposta sintetica in molti punti ma che avrebbe l’effetto anche con pochi punti di salvaguardare un settore (quello della nuova musica del nostro paese, che tra l’altro è da sempre la colonna sonora delle battaglie dei lavoratori, contro la precarietà, la disoccupazione, i licenziamenti etc e che molto si dà per i temi della solidarietà e dell’impegno civile) e di creare anche più opportunità occupazionali con alcuni semplici interventi (come l’inserimento di quote a favore della musica italiana in tv e radio come hanno fatto in Francia) che permetterebbe al settore di avere un rilancio, più risorse e più posti di lavoro per lo più legati ai giovani in pochissimo tempo a costo zero per il settore. Sarebbe sufficiente inserire nei media una quota di diffusione pari al 40% di musiche prodotte in Italia delle quali il 20% riservate ai giovani esordienti per avere un effetto moltiplicatore sull’occupazione nel settore a favore della creatività culturale del nostro paese. In sintesi: (Leggi di più)

Categorie
Altro Musica News & Releases Notizie & Comunicati Politica

La SIAE è di tutti

SIAE.jpg
Acep, Arci, AudioCoop e numerosi autori ed editori italiani hanno appena notificato, assistiti dagli avvocati Scorza e Giurdanella, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, al Ministero dell’Economia, al Commissario Straordinario della SIAE Gian Luigi Rondi, ai due subcommissari Paolo Stella Richter e Domenico Luca Scordino nonché alla SIAE un ricorso con il quale hanno chiesto al TAR Lazio di accertare e dichiarare l’illegittimità del nuovo Statuto della SIAE. Alla base dell’impugnazione la circostanza che il nuovo Statuto attribuisce, in maniera pressoché esclusiva, la governance della società agli associati più ricchi ovvero a quelli che beneficiano delle somme maggiori in sede di riparto dei diritti d’autore incassati dalla SIAE. Secondo il nuovo Statuto, infatti, ogni associato ha diritto, in assemblea, ad un voto più un voto per ogni euro incassato. In questo modo le delibere assembleari relative, essenzialmente, alla nomina del Consiglio di Sorveglianza al quale lo Statuto affida, sostanzialmente, la totalità delle scelte relative alla vita dell’Ente, dipendono esclusivamente dagli associati più ricchi ovvero i grandi editori musicali facenti capo a poche multinazionali straniere e i grandi cantautori della musica leggera italiana. “Una ventina di associati – in forza delle nuove regole – potrà governare la Società anche contro il volere e le indicazioni degli oltre 100 mila iscritti. La SIAE è, invece, di tutti gli associati giacché tutti hanno eguali obblighi a cominciare dal pagamento della quota associativa” dichiarano Roberto Rinaldi, Presidente di Acep, Carlo Testini, Responsabile Nazionale Cultura dell’Arci, e Giordano Sangiorgi, Presidente di AudioCoop. Secondo i ricorrenti, peraltro, l’adozione ed approvazione del nuovo Statuto è solo l’ultimo atto di un disegno più complesso ordito con la ferma volontà di estromettere la maggioranza della base associativa dalla gestione della Società a favore dei soli associati più ricchi. L’attuazione di tale disegno è iniziata con l’adozione del decreto di Commissariamento della società che le Autorità vigilanti non avevano il potere di adottare e del quale, pure, i ricorrenti hanno chiesto ai Giudici, l’annullamento. Ai giudici amministrativi i ricorrenti hanno, anche, chiesto di sospendere in via cautelare l’efficacia dello Statuto, al fine di scongiurare il rischio che le prossime elezioni del Consiglio di Sorveglianza fissate per il 1° marzo si svolgano secondo le nuove regole, consegnando la SIAE in mano ai soli associati più danarosi. L’apporto e la produttività artistica e culturale di un autore o editore non può e non deve essere ridotta ad un fatto puramente economico e non c’è, dunque, ragione per affidare la SIAE – alla quale lo Stato attribuisce il compito di promuovere e tutelare, nell’interesse di tutti, il sistema culturale – nelle mani di un manipolo di editori ed autori più ricchi degli altri. (Fonte: Audiocoop) (Leggi di più)

Categorie
Altro Fumetto Notizie & Comunicati Podcast Politica Speciali

Mamma: un workshop al premio Ilaria Alpi

premio-ilaria-alpi.jpg
Per l’edizione 2012, che si svolgerà a Riccione dal 6 all’8 settembre 2012, il prestigioso premio giornalistico intitolato a Ilaria Alpi arricchisce la propria offerta con un Workshop ad accesso libero sul giornalismo a fumetti multimediale, che si svolgerà il sette settembre alle ore 10. Ad aprire questa finestra sui nuovi linguaggi, strumenti e formati del racconto giornalistico sarà Carlo Gubitosa, direttore responsabile della rivista Mamma! – il primo magazine italiano di giornalismo a fumetti. In tempi di crisi dell’editoria tradizionale, il giornalismo a fumetti può essere la risposta migliore alla domanda “Perché dovrei comprare una rivista cartacea con tutto quello che c’e’ già su internet?” A metà tra i comics e il reportage, il cosiddetto “graphic journalism” sta entrando a far parte della cassetta degli attrezzi del “giornalista multimediale”: vignette e illustrazioni si trasformano in jpeg e clip animate con risultati da Pulitzer. A questa affascinante tecnica è dedicato il primo dei due workshop di questa edizione del Premio Ilaria Alpi, un viaggio alla scoperta del graphic journalism a cavallo tra carta, tecnologie, audiovisivo e multimedia. Per Carlo Gubitosail fumetto applicato al giornalismo, condito con le nuove tecnologie della comunicazione e arricchito da contenuti multimediali rappresenta per il giornalismo un potenziale esplosivo, simile a quello introdotto negli anni ‘50 del passato millennio dal fotogiornalismo e dalle innovazioni nelle tecnologie di stampa.(Fonte: Mamma! Magazine) (Leggi di più)