Categorie
Musica Notizie & Comunicati

I dieci album più belli della prima metà del 2016

10-album-prima-meta-2016.jpg
Qui, nell’emisfero boreale, siamo ormai in piena estate. Il cielo è azzurro, il sole è a picco e il caldo ci toglie il respiro. E allora ci è sembrato opportuno darvi un po’ di refrigerio scegliendo per voi i dieci dischi più belli, intensi e freschi di questa prima metà dell’anno. Un numero davvero esiguo, se consideriamo la quantità e la qualità delle uscite discografiche annuali. Ma una classifica, allo stesso modo della vita, è fatta di scelte. E queste sono quelle di questi primi sette mesi del 2016: dieci album che abbiamo ascoltato con particolare attenzione e che vi consigliamo vivamente in questi giorni di calura. Per il resto, invece, ci toccherà aspettare il prossimo inverno… (La redazione)

I 10 album più belli della prima metà del 2016
(In ordine alfabetico di nome)

AFTERHOURS. Folfiri o Folfox (Universal, 2016)
Decimo album per gli Afterhours di Manuel Agnelli. Un disco doppio, intimo e deflagrante, che parla di malattia e morte, ma anche di vita, felicità e “cura”. Imperdibile.
Ascolta

CHANCE THE RAPPER. Coloring Book (Apple Music, 2016)
Nuovo mixtape per l’americano Chancelor Bennett, aka Chance the Rapper. Coloring Book è un disco hip hop carico di gospel che sicuramente non deluderà gli amanti del genere.
Ascolta

DAVID BOWIE. Blackstar (Columbia Records, 2016)
Su questo artista e su quest’ultimo disco è stato detto già tanto. Ora spegnete radio e TV, sdraiatevi sul divano, premete il tasto play e iniziate questo meraviglioso viaggio tra le stelle.
Ascolta

GEMMA RAY. The Exodus Suite (Bronze Rat Records, 2016)
La britannica Gemma Ray torna sulla scena indie con la sua ultima opera dal titolo “The Exodus Suite”, una drammatica odissea di 52 minuti fra il pop noir e la psichedelia. Una delle più belle sorprese del 2016.
Ascolta

THE INVISIBLE. Patience (Ninja Tune, 2016)
Da queste parti abbiamo un debole per le sonorità sbarazzine di “Patience”. Un disco elettropop in forte odore anni ‘80 che vede protagonisti gli inglesi Dave Okumu (chitarra, voce), Tom Herbert (basso e sintetizzatore) e Leo Taylor (batteria). Il vero disco estivo di questa classifica.
Ascolta

LUCINDA WILLIAMS. The Ghosts of Highway 20 (Highway 20 Records, 2016)
Lucinda Williams è una stella del country e del folk statunitense e The Ghosts of Highway 20 è uno dei suoi dischi più belli. Un’opera intima e toccante. Canzoni che ti mettono in pace con il mondo.
Ascolta

MICHAEL KIWANUKA. Love & Hate (Polydor, 2016)
“Love & Hate” è il secondo album del musicista e cantante britannico Michael Kiwanuka che ricorda sempre più personaggi come Marvin Gaye, Bill Withers e Curtis Mayfield. “Love & Hate” è già un classico.
Ascolta

MOTTA. La fine dei vent’anni (Woodworm, 2016)
Dopo l’esperienza con i Criminal Jokers, “La fine dei vent’anni” è l’esordio da solista di Francesco Motta, talentuoso cantautore italiano che fa “boom” al primo colpo grazie anche alla complicità di Riccardo Sinigallia.
Ascolta

RADIOHEAD. A Moon Shaped Pool (XL, 2016)
Alla stesso modo dei REM, i Radiohead sfornano soltanto capolavori. Una sorpresa dopo l’altra. E “A Moon Shaped Pool” è l’ennesima conferma.
Ascolta

SHEARWATER. Jet Plane and Oxbow (Sub Pop, 2016)
Uno dei dischi del 2016 più bistrattati dalla critica che conta. A noi, invece, “Jet Plane and Oxbow” piace parecchio, anche perché Jonathan Meiburg è una delle menti più lucide e ispirate di questi ultimi anni.
Ascolta



Cerca e compra un disco, un dvd, un acccessorio di abbigliamento




Lascia un commento
Pubblicità