Categorie
Libri Ultime Notizie

Il ritorno in libreria di “Motel Life”, il romanzo d’esordio del musicista e scrittore Willy Vlautin

Diventato un libro di culto, ormai introvabile nella vecchia edizione
e richiesto dai tanti lettori di Vlautin, Motel Life ritorna con una nuova veste grafica e una prefazione inedita dell’autore, in prima edizione per Jimenez.

Motel life, l’acclamato e ormai introvabile romanzo d’esordio dello scrittore e musicista Willy Vlautin, tornerà nelle librerie italiane il prossimo 27 agosto, in una nuova veste grafica e accompagnato da una prefazione inedita dell’autore. 

Pubblicata per la prima volta negli USA nel 2006, la storia dei due fratelli in fuga lungo le strade della rovinosa periferia del Nevada è stata tradotta in più di dieci lingue e trasposta al cinema da Alan e Gabe Polsky nell’omonima pellicola premiata al Festival internazionale del film di Roma.

Motel Life ha segnato l’esordio nella narrativa di Willy Vlautin, al tempo già un rinomato musicista. Da allora il romanzo è stato tradotto in più di dieci lingue, è stato paragonato alla produzione di autori quali
John Steinbeck, Raymond Carver, John Fante e Denis Johnson, e ha fatto guadagnare all’autore l’appellativo di “Dylan dei vagabondi”.

Due fratelli in viaggio lungo le strade del Nevada, tra città in rovina e anime in pena, cercano rifugio in desolati motel che sono insieme simbolo di deriva esistenziale e di conforto dal peso di sentirsi costantemente in trappola.

Frank, narratore nato, e Jerry Lee, un talento per il disegno, hanno un’inclinazione naturale per le decisioni sbagliate, e scappano dopo il mortale incidente automobilistico causato da Jerry Lee. È una fuga in cerca di redenzione, segnata dal senso di colpa quanto dal desiderio di libertà, riscatto, comprensione.

Con la loro storia, Willy Vlautin si fa portavoce degli emarginati, dei feriti, degli uomini soli, nobilitando i personaggi più umili con il suo sguardo compassionevole e la sua scrittura “piena di tenerezza, verità e vita”, così come l’ha definita Guillermo Arriaga. (La redazione)

Pubblicità