“Atlas Vending” è il quarto album dei canadesi Metz

Il nuovo disco è una riflessione su temi profondi quali la paternità, l’ansia sociale, le dipendenze, l’auto isolamento, le paranoie create dai media, e l’urgenza mai domata di lasciarsi tutto alle spalle.

  • 1Minuto
  • 121Parole

Atlas Vending è il lavoro più dinamico, dimensionale e convincente dei canadesi Metz.

Il nuovo disco è una riflessione su temi profondi quali la paternità, l’ansia sociale, le dipendenze, l’auto isolamento, le paranoie create dai media, e l’urgenza mai domata di lasciarsi tutto alle spalle.

Le dieci canzoni di Atlas Vending sono una fotografia della condizione moderna e nel loro insieme creano un tutt’uno narrativo e musicale.

Il disco è stato co-prodotto con Ben Greenberg (Uniform) e registrato e mixato da Seth Manchester (Daughters, Lingua Ignota, The Body) agli Machines with Magnets Studios in Pawtucket, Rhode Island. 

Atlas Vending è il quarto album dei Metz e suona massiccio, articolato e onesto. (La redazione)

Se ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.