Categorie
Curiosità Musica Ultime Notizie

Bob Dylan vende tutte le sue canzoni all’Universal Music

Canzoni che oramai fanno parte del patrimonio dell’umanità e che Dylan continuerà a cantare a modo suo finché avrà la forza di farlo. Tanto, siamo sicuri, ne ha già altre pronte nel cassetto.

Una carriera, quella del menestrello più famoso al mondo, lunga 60 anni e costellata da capolavori imprescindibili che gli sono valsi anche un premio Nobel per la letteratura.

Stiamo parlando del cantautore più eclettico che la storia della popular music abbia finora partorito: Bob Dylan.

Eclettico non tanto per la musica che ha scritto, in fondo le sue sono canzoni che si sono mosse sempre sull’asse folk-rock, quanto invece per la personalità del musicista e poeta di Duluth.

Una personalità che si è sempre nutrita di musica, arte e letteratura senza mai dover rendere conto a qualcuno o a qualcosa del come e perché, ma soprattutto senza mai rincorrere stereotipi e preconcetti vari.

Una personalità giovane e curiosa, insomma, che ha sempre vissuto il presente, liberandosi di ogni sorta di onorificenza, fregio e orpello che potesse imbalsamare il suo vivere di (e per) la musica.

Tutto ciò, ovviamente, senza mai perdere il fiuto per il business, anche perché, come sosteneva più prosaicamente qualcuno, i soldi ti danno la libertà.

Sarà quindi per tutti questi motivi che il settantanovenne Bob Dylan ha voluto cedere il suo intero catalogo musicale, consegnandolo nelle mani sicure della Universal Music: oltre 600 canzoni per un valore, si stima, di circa 300 milioni di dollari.

Canzoni che oramai fanno parte del patrimonio dell’umanità e che Dylan continuerà a cantare a modo suo finché avrà la forza di farlo. Tanto, siamo sicuri, ne ha già altre pronte nel cassetto. (La redazione)

Lascia un commento
Pubblicità