«Abruzzo» è l’album di debutto dell’Orchestra Popolare del Saltarello

Il progetto discografico dell’Orchestra Popolare del Saltarello si propone di donare alla tradizione musicale abruzzese una veste inedita, moderna e innovativa

  • 2Minuti
  • 287Parole

Abruzzo è il titolo dell’album d’esordio dell’Orchestra Popolare del Saltarello, un disco composto da otto brani facenti parte del repertorio tradizionale abruzzese, rielaborati in chiave inedita in maniera tale da potergli donare una veste inedita e fresca, capace di catturare l’attenzione di un pubblico sempre più eterogeneo e vasto.

I brani facenti parte del repertorio dell’Orchestra Popolare del Saltarello sono caratterizzati da contaminazioni di genere che si riflettono in ciascuna esecuzione, dando così vita a tracce che presentano influenze provenienti dal mondo jazz, junk, rap, balkan, musette, pop ed elettronico.

I brani vengono eseguiti ed interpretati da un organico formato da undici musicisti d’eccezione e uno straordinario corpo di ballo che per l’ascoltatore fungono da compagni lungo il viaggio per le vie della tradizione musicale abruzzese.

Gli arrangiamenti di Danilo Di Paolonicola, tra i migliori fisarmonicisti e organettisti del panorama internazionale, sono stati eseguiti da Danilo Di Paolonicola (fisarmonica e organetto), Alessandro Tarquini (violino), Manuel D’Armi (zampogna e ciaramella), Gionni Di Clemente (chitarra e bouzouki), Marco Di Natale (basso), Alex Paolini (batteria), Armando Rotilio (voce e percussioni) e dalle cantanti Antonella GentileAlessandra VenturaAnissa GouiziFederica Di StefanoAlpha Sall.

L’album è impreziosito dai contributi musicali di Mauro Baiocco (flauto in Vola Vola), Alessandro Nosenzo (chitarra in Addije, Addije Amore), Emanuela Donati (voce in Vola Vola).

L’Orchestra Popolare del Saltarello nasce da un’operazione di ricerca e rivalutazione della musica popolare abruzzese. Più nello specifico si occupa di tradurre in musica e suggestioni quello che fu il percorso degli antichi tratturi, lungo cui si è sviluppato e propagato il celebre “Saltarello”. (La redazione)

ACQUISTA SU AMAZON IL DISCO CHE CERCHI

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, utilizza questo form. Se invece ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.