Categorie
Musica Notizie & Comunicati Streaming

Il ritorno dei Black Eyed Dog

black-eyed-dog.jpg
Dopo due album (“Love is a Dog from Hell”, 2007 e “Rhaianuledada”, 2009) entrambi acclamati dalla critica italiana e internazionale, torna Fabio Parrinello (voce, piano e mandolino elettrico) col nuovo trio formato insieme ad Anna Balestrieri (voce, chitarra, cigar box e piano) e Alessandro Falzone (batteria, chitarre, percussioni), ormai parti integranti del progetto per un sodalizio già rodatissimo da un’intensa attività live negli ultimi mesi. “Too Many Late Nights” è un disco che segna un nuovo cammino per Black Eyed Dog. Le ballate dei primi due dischi, salvo sporadici episodi, cedono il passo in questo ultimo lavoro alle trame elettriche e distorte, unite a groove incandescenti delle percussioni pesanti. L’elemento di continuità è invece la voce profondissima di Fabio Parrinello, che riempie in maniera formidabile lo spettro sonoro del disco, lasciando un segno indelebile nell’ascoltatore. Registrato nei nuovi studi di 800A Records con la produzione artistica di Fabio Rizzo (Waines, il Pan del Diavolo, VeneziA), l’album mette in chiaro sin dalle prime note la nuova direzione intrapresa dal progetto: “Punk Romantic Psycho Blues” – come da definizione della stessa band – appassionato e viscerale, che affonda le proprie radici nel Blues del Delta tanto quanto nella elettricità estrema e inquieta cara a certi scenari sonici della New York fine anni ‘80. Il disco è impreziosito dai mix di JD Foster e Hugo Race, cinque brani ciascuno mixati negli Stati Uniti dal primo e in Australia dal secondo, per un disco dalla doppia anima ma dal respiro indubbiamente internazionale. La band sarà in tour a maggio per promuovere l’album con delle date di anteprima in Sicilia e successivamente nel resto della penisola. Play all samples (Fonte: UNOMUNDO Press&Promo Agency)

Condividi su FB / Share on FB

Lascia un commento

PAGINA CONTATTI ISCRIZIONE NEWSLETTER DONAZIONE VIA PAYPAL

Pubblicità