The Young Nope con il secondo album “Gulp!”

Un disco che nasce dalla volontà di creare un prodotto originale e diverso dalle attuali realtà del mercato mainstream italiano.

  • 2Minuti
  • 250Parole

Dopo l’album d’esordio Sciamano del 2017, il trio abruzzese The Young Nope torna con un nuovo lavoro discografico dal titolo Gulp!

Gulp! nasce dalla volontà di creare un prodotto originale e diverso dalle attuali realtà del mercato mainstream italiano.

Lo sviluppo del secondo album dei Young Nope riprende il sound e i concetti dei lavori precedenti immergendoli in una dimensione più matura e fluida anche grazie all’aiuto di Marco Pallini produttore della band (già fonico da palco con  Malika Ayane e Niccolò Fabi).

Il disco realizzato in circa tre anni ha avuto un lento sviluppo sia per il lavoro a distanza (tra Roma e Bologna) ma soprattutto per poter curare al meglio ogni singolo dettaglio e contenuto. Nel corso del tempo alcune tracce, come Calcare e Cento fiori, hanno subito variazioni, rendendo di fatto Gulp! un disco modulare: i 3 anni dall’inizio del lavoro al suo compimento hanno permesso il reciproco adeguamento tra band e disco.

I testi sono, invece, nati indipendenti gli uni dagli altri, trade union la narrazione della quotidiana realtà dei Young Nope ricca di episodi utopistici che hanno dato largo sfogo alla loro immaginazione.
Il vero anello di congiunzione tra i brani è stata la volontà di un ritorno al passato grazie all’utilizzo di strumenti inusuali e vintage (Farfisa, Chitarra Resofonica) e di un mixaggio che ha voluto far emergere alcuni tratti dei grandi classici Rock’n’roll, senza mai dimenticare le sonorità contemporanee. (La redazione)

Se ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.