Dal Benin in arrivo l’album d’esordio della Star Feminine Band, formazione composta da otto ragazze tra i 9 e i 16 anni

La Star Feminine Band è composta da otto ragazze del Benin, tra i 9 e i 16 anni, affascinate da arte e musica. L’omonimo disco di debutto della formazione africana si appresta a scuotere la scena internazionale con un fresco e originalissimo blend di garage rock, jazz e folk.

Listen to this article

Il 20 novembre prossimo sarà pubblicato da Born Bad Records l’omonimo album d’esordio della Star Feminine Band, giovanissima formazione proveniente dallo Stato africano del Benin.

La Star Feminine Band è composta da otto ragazze tra i 9 e i 16 anni affascinate da arte e musica.

Il disco è stato registrato in uno studio ricavato in una stanza del museo della loro città, Natitingou, dove hanno provato quotidianamente tutti i giorni, sia festivi che feriali.

Nel 2020 purtroppo la situazione delle donne in molte aree rurali del continente africano, ma anche nelle metropoli, non è cambiata rispetto al secolo scorso e il movimento #MeToo difficilmente è riuscito a toccare le aree più remote del Paese. 

La Star Feminine Band però e riuscita a suonare dal vivo a Natitingou e nei villaggi attigui, e a richiamare un numero sempre più grande di curiosi, composto da bambini, famiglie e amanti di musica contemporanea e del passato.

André Baleguemon, consigliere della formazione nonché compositore di tutti i brani, ha adattato assieme alla band diverse canzoni ispirate dalla musica tradizionale, dando così nuova linfa al folklore locale. 

«Tutte loro hanno sottoposto idee e scritto testi. Il sogno segreto di queste ragazze è diventare star internazionali e mostrare al mondo intero l’importanza di essere donna. La Star Feminine Band parla di mutilazione genitale femminile e violenza contro le ragazze, ci tengono ad avviare un dibattito politico e sociale per migliorare il loro paese». (André Baleguemon)

La Star Feminine Band si è ispirata soprattutto ai ritmi della cultura waama, cantando in francese ma anche nei vari dialetti locali (waama, ditamari e fon).

Peba, uno dei primi brani scritti in waama, parla di ragazze che vanno a scuola per realizzarsi. Timtilu, in lingua ditamari, parla invece di appartenenza e di non abbandonare la propria cultura e, anzi, di onorarla. Rew Be Me Light infine è un’ode alle donne: un asupicio ad aver successo nella vita e nel lavoro. Singoli con i quali le otto ragazze della Star Feminine Band stanno diventando l’orgoglio della regione dell’Atakora, piantando i semi per un futuro migliore nel Benin.

Il disco di debutto della formazione africana si appresta insomma a scuotere la scena internazionale con un fresco e originalissimo blend di garage rock, jazz e folk.

Nell’attesa gustiamoci questa nuova, formidabile traccia dal titolo Femme Africaine. Buon ascolto. (La redazione)

Lascia un commento

PAGINA CONTATTI ISCRIZIONE NEWSLETTER DONAZIONE VIA PAYPAL

Pubblicità