“Io sognavo noi” è il disco d’esordio di Blu

Un disco permeato da una malinconia melensa che si accomoda dentro il pop dei primi anni 90’, con la voce eterea di Blu registrata magistralmente ma senza personalità.

  • 1Minuto
  • 161Parole

Io sognavo noi è il disco d’esordio di Mario Giarola, in arte Blu, finalista di Area Sanremo Tim 2020.

L’album composto da appena sei tracce, si svolge nell’universo unico di un amore finito troppo presto, mal comune di chi per giovane età è alle prime esperienze e come in questo caso alle prime delusioni.

Da Ti avevo trovato a Senza più un senso il disco, permeato da una malinconia melensa, si accomoda dentro il pop dei primi anni 90’, mentre la voce eterea di Blu, registrata magistralmente, non spicca per personalità; si ha come l’impressione del compitino eseguito per bene.

Manca di spessore, di suoni, di prosa, di emotività, come se non ci fosse un messaggio ben preciso. Se l’intento del disco è quello di soddisfare una necessità di espressione e di liberazione del passato, può anche essere accolto di buon grado, altrimenti non si riescono a trovare spunti positivi per questo lavoro un po’ fine a sé stesso. (Lorenzo D’Antoni)

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, utilizza questo form. Se invece ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.