Rettore a Sanremo con Ditonellapiaga: «Voglio leggerezza e spensieratezza»

Al Festival di Sanremo 2022 l’incontro di due generazioni ribelli con la «Chimica» esplosiva di Rettore e Ditonellapiaga

  • 3Minuti
  • 490Parole

Fervono i preparativi per la 72° edizione del Festival della Canzone Italiana che, come bene sapete, avrà luogo dal 1° al 5 febbraio 2022 presso il Teatro Ariston di Sanremo.

Tra i 25 artisti in gara ci preme segnalare una coppia inedita ed esplosiva tutta al femminile. Stiamo parlando della ben nota Rettore e dell’esordiente Margherita Carducci (alias Ditonellapiaga) che per la prima volta insieme calcheranno il prestigioso palco di Sanremo con il brano Chimica.

L’incontro con la giovane romana – ci fa capire in qualche modo Donatella Rettore – è nato in seguito alle sue frequentazioni con l’ambiente hip hop e cantautorale contemporaneo.

«Ci siamo incontrate perché io frequento i rapper. È stato un bell’incontro. Poi ci siamo incontrate di nuovo e abbiamo deciso di fare qualcosa insieme”».

Rettore

Nasce dunque Chimica, canzone scritta da Rettore e Ditonellapiaga con la partecipazione degli autori Alessandro CasagniBenjamin Ventura, Edoardo Castroni e Valerio Smordoni.

Si tratta di un brano leggero ma carico di energia e humor che vuole spazzare via ogni forma di ipocrisia.

«“Chimica” nasce per dare un calcio in culo a tutti i bigotti, perbenisti e qualunquisti. […] Qui in Italia abbiamo smesso di ridere. Vogliamo morir dal ridere e non di Covid. Viva la chimica, viva il sesso, viva la libertà».

Rettore

Se escludiamo la partecipazione dello scorso anno come ospite de La Rappresentante di Lista nella serata dedicate alle cover, quella del 2022 sarà la quinta volta di Rettore a Sanremo come cantante in gara, benché in coppia con Ditonellapiaga.

Anche per questo settantaduesimo Festival della canzone Italiana, condotto e diretto artisticamente per il terzo anno consecutivo da Amadeus, è prevista una serata – la quarta per l’esattezza – dedicata alle cover degli anni Sessanta, Settanta, Ottanta e Novanta.

Rettore e Ditonellapiaga interpreteranno – a modo loro – Nessuno mi può giudicare di Caterina Caselli. Una scelta – ci dice Rettore – “suggerita” ma alla fine gradita.

Il brano non l’abbiamo scelto noi, ci è stato suggerito. Io volevo fare “Musica ribelle”, “È la pioggia che va“, “You’ve Got a Friend”… Volevo fare tante altre cose però ci hanno detto che “Nessuno mi può giudicare” era bello. In effetti viene benissimo perché ha un arrangiamento favoloso e modernissimo del Maestro Fabio Gurian. Alla fine sembra più un pezzo alla “Pulp Fiction” che “Nessuno mi può giudicare”.

Rettore

Una coppia inedita, quella di Rettore e Ditonellapiaga, che si preannuncia davvero allegra, ribelle e scanzonata.

In questo Sanremo mi aspetto di fare tanto spettacolo, di dare tanta energia e tanta voglia di ricominciare e di rimboccarsi le maniche con il sorriso e tanta gioia. Basta con i novax! Basta con i virologi! Basta con il Covid! Basta! Voglio leggerezza e spensieratezza, anche per me che non ho più vent’anni.

Rettore

Due generazioni a confronto che con la loro “Chimica” daranno vita a uno show gioioso, deflagrante e fuori dagli schemi. Parola di Rettore. (La redazione)

Se ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.