«Canzoni dalla soffitta» di Stefano “Cisco” Bellotti

Un disco che restituisce dignità alla parola cantata, agli ideali, al combat folk

  • 2Minuti
  • 316Parole

Cosa c’è da aspettarsi da Stefano Bellotti, in arte Cisco, che non avete già ascoltato in passato sia con i Modena City Ramblers che in versione solista?

Diciamo nulla. Se per nulla però intendete il pop contemporaneo di questi ultimi dieci-quindici anni che hanno visto la scena musicale italiana innovata e devastata allo stesso tempo dall’elettronica fai date e dal digitale. Un nulla, a volte persino ammaliante, dominato da generi inediti come it.pop e trap e da nuove forme di cantautorato in bilico tra musica leggera e hip hop.

È proprio nel mezzo di questo indecifrabile e tiepido nulla che si adagiano, comodamente e senza frenesia alcuna, queste dodici nuove canzoni di Cisco che ci restituiscono l’immagine di un passato che non vuole per alcun motivo cedere il passo al presente.

Non a caso la nuova fatica discografica del musicista e cantautore emiliano si intitola Canzoni dalla soffitta, quasi a voler restituire – in un periodo di decadenza e riflessione – dignità alla parola cantata, agli ideali, al combat folk.

Alla luce di quanto accaduto in questi anni sospesi, sembra che Cisco abbia voluto ripercorre il suo passato fatto di musica e affetti personali, rispolverando dalla soffitta quei vecchi ricordi oramai sempre più vividi e vibranti. Lo ha fatto con piglio malinconico e mistico, ma in alcuni passaggi anche con un atteggiamento disincantato. Parafrasando il titolo di una sua canzone del nuovo disco, si ha quasi l’impressione che Bellotti abbia trovato il segreto della sua rinascita Riportando tutto a casa.

Una casa piena di amici – come Simone Cristicchi, Phil Manzanera, Massimo Giuntini, Franco D’Aniello – dove poter raccontare alla maniera della cover di Bruce Springsteen, Il Fantasma di Tom Joad, un Paese dimenticato da tutti. E per molti di noi non è certamente poco. Bentornato a casa, Cisco. (Antonio Tabuschieri)

ACQUISTA IL DISCO SU AMAZON

Se ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.