The Dirtbombs – Party Store (2011)

  • 2Minuti
  • 299Parole

dirtbombs-.jpg
I Dirtbombs e l’altra Detroit. Quella che vive di notte, come i pipistrelli e le puttane. Juan Atkins, Derrick May, Dj Assault, Carl Craig, la Roland tr-909, lo Shelter, l’Underground Resistance. In altre parole, la techno. Come se i Sick Rose decidessero di fare un album di cover rubate al repertorio di Baltimora, Tracy Spencer, Den Harrow e i Righeira. Shockante, in qualche modo. Ecco, così è Party Store. Uno di quei dischi che, non esibisse il nome di Mick Collins, probabilmente non comprerebbe nessuno. E che, anche se invece lo fa, nessuno comprerà ugualmente. Però incuriosirà molti, questo sì. E così ecco i “ Com’è?”. E i “Tu cosa ne pensi?”. Ve lo dico io com’è. Come un sasso dentro una scarpa, ecco com’è. Come un salmone arrapato, ecco com’è. Fastidioso. Controcorrente. Anche contro la loro stessa corrente. Perché se credevate che i Dirtbombs fossero i signori dell’ approssimazione e del calore punk, questo è il disco che vi farà ricredere. Party Store è un album metronomico e freddo. Come quelli dei Front 242, dei Laibach, dei Material, dei P.I.L. Per chi odia i club dove si tromba impasticcati e bombardati da un deejay che crede di essere il salvatore del mondo, questa è forse l’unica occasione per non restare fuori dalla porta d’entrata a sbirciare in quella selva di cameltoe e glutei come uno sceicco arabo che deve ingrossare l’harem. Infilate il naso, stavolta. Magari la prossima volta riuscirete pure a infilare altro. (Franco Dimauro)

Condividi su FB / Share on FB


Cerca e compra online il biglietto dell’evento che desideri

T1_Generic_468x60

Cerca un volo o una vacanza conveniente.

468x60 Lente

Prenota online i voli economici eDreams!

Cerca e compra un disco, un dvd, un acccessorio di abbigliamento

Se ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.