«Volevo fare bene» dei fiorentini La Notte, una delle più belle sorprese italiane del 2018

Il quintetto di Firenze torna sulla scena con un secondo lavoro discografico diverso dal precedente e in qualche modo anche più maturo

  • 2Minuti
  • 292Parole

Volevo fare bene, in uscita il 19 gennaio 2018 per Woodworm label, è il secondo, atteso album della giovane formazione fiorentina La Notte.

Dopo l’omonimo esordio del 2015, pubblicato da Tirreno Dischi e prodotto da Karim Qqru (The Zen Circus), in cui la band metteva subito a nudo qualità e carattere con canzoni rock dirette e graffianti a metà strada tra i Marlene Kuntz e il Management del Dolore Post-Operatorio, il quintetto di Firenze torna sulla scena con un nuovo lavoro discografico diverso dal precedente e in qualche modo anche più maturo.

Volevo fare bene, prodotto da Andrea Marmorini, è infatti un disco che si muove abilmente tra pop contemporaneo, alternative rock e canzone d’autore e che in alcuni passaggi sembra ricordare tanto Motta (Per nuovi pescatori, Buddha Bar) quanto Riccardo Sinigallia e Vasco Brondi (Temporale estivo).

Dieci canzoni che si lasciano ascoltare con estremo piacere, grazie agli ottimi arrangiamenti e a una scrittura pulita e appassionata. Merito di tutto ciò però non è soltanto del cantante, chitarrista e autore dei testi Yuri Salihi, ma anche della complicità di un vero e proprio gruppo che vede coinvolti Giulio Maria Di Salvo, Tommaso Brandini, Tommaso Sado Carlà e Alessio Bambi.

Cinque ragazzi poco più che ventenni che dimostrano di avere talento e personalità come pochi altri oggigiorno e che, fortunatamente, ancora non sono stati bruciati da nessun talent.

Ed è per questo motivo che vi invitiamo a porgere un orecchio a Volevo fare bene, per dare una possibilità a chi come loro fa della buona musica senza passare per i soliti show tritacarne.

Da parte nostra possiamo assicurarvi che sono davvero in gamba e che questo album pop-rock è una delle più belle sorprese made in Italy d’inizio 2018. Bella anche la copertina disegnata da Giulio Noccesi. (La redazione)

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, utilizza questo form. Se invece ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.