La filosofia della canzone moderna, secondo Bob Dylan

«Filosofia della canzone moderna», edito da Feltrinelli, è il primo nuovo libro di Bob Dylan da Chronicles Vol. 1 del 2004 e da quando ha vinto il Premio Nobel per la letteratura nel 2016.

  • 3Minuti
  • 457Parole

Filosofia della canzone moderna, edito da Feltrinelli, è il primo nuovo libro di Bob Dylan da Chronicles Vol. 1 del 2004 e da quando ha vinto il Premio Nobel per la letteratura nel 2016.

Dylan, che ha iniziato a lavorare a questo libro nel 2010, offre qui la sua straordinaria interpretazione riguardo alla natura della popular music.

Allinea oltre sessanta saggi dedicati a canzoni di altri artisti, da Stephen Foster a Elvis Costello nonché, tra di loro, da Hank Williams a Nina Simone.

Analizza quella che chiama la trappola delle rime facili, fa capire come l’aggiunta di una singola sillaba possa indebolire una canzone e spiega anche in che modo il bluegrass sia il parente più prossimo dell’heavy metal.

Scritti nell’inimitabile prosa dylaniana, questi saggi sono misteriosi e imprevedibili, intensi e profondi, e spesso divertenti fino all’aperta risata. E mentre in apparenza parlano di musica, in realtà meditano e riflettono sulla condizione umana.

Il libro comprende circa 150 foto scelte con estrema cura nonché una serie di “riff onirici” che, considerati nella loro totalità, formano quasi un poema epico che aggiunge spessore alla qualità trascendente dell’intero lavoro.

Nel 2020, con l’uscita del suo eccezionale album Rough and Rowdy Ways, Dylan è diventato il primo artista a collocare un suo album nella Top 40 di “Billboard” in ogni decennio, dagli anni sessanta a oggi. 

Filosofia della canzone moderna contiene molto di ciò che ha imparato sulla sua arte in tutti questi anni e, come tutto ciò che Dylan fa, è un risultato artistico di eccezionale importanza.

Chi è Bob Dylan?

Bob Dylan, nato nel 1941 a Duluth, nel Minnesota, all’età di vent’anni si è fatto conoscere a New York come folksinger e cantautore. Da allora ha pubblicato oltre cinquanta album di canzoni, un libro di disegni, l’autobiografia Chronicles. Volume 1 (Feltrinelli, 2005) e la raccolta di testi Lyrics 1962-2001 (Feltrinelli, 2006); Feltrinelli ha pubblicato anche The Bob Dylan Scrapbook (2005) e Tarantula (2007). Con Things Have Changed (2001) ha vinto il premio Oscar per la migliore canzone. È il soggetto del documentario di Martin Scorsese No Direction Home (2005). Ha avuto una citazione speciale al premio Pulitzer nel 2008. Nel 2013 ha esordito anche nel mondo della scultura, partecipando a una mostra a Londra. Nel 2016 gli è stato assegnato il Premio Nobel per la Letteratura, per aver “creato una nuova espressione poetica nell’ambito della tradizione della grande canzone americana”.

La playlist su Spotify

Di seguito la playlist estratta dal nuovo libro di Bob Dylan, The Philosophy of Modern Song, la cui traduzione italiana è stata curata come sempre da Alessandro Carrera. (La redazione)

ascoltala qui

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, utilizza questo form. Se invece ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.



IN OFFERTA SU AMAZON ORA!
Musica per cani