Categorie
Album 2020 Recensioni Streaming

“Our Kind Of Movement” è il quinto album degli Speedometer, band di riferimento della scena funk mondiale. Ascolta il nuovo disco della formazione inglese.

Per celebrare 4 lustri di attività, la band ha da poco pubblicato il quinto album della carriera.

È difficile credere che siano passati 20 anni dagli esordi di una delle band funk di punta del Regno Unito, gli Speedometer. Ma calcoli alla mano, dal debutto nel lontano 1999 suonando i classici di artisti come The Meters The JB’s in piccoli club nel Sud-Est dell’Inghilterra, sono effettivamente passati due decenni, nel corso dei quali gli Speedometer sono diventati un punto di riferimento per la scena funk mondiale.

Per celebrare 4 lustri di attività, la band ha da poco pubblicato il quinto album, Our Kind Of Movement, disponibile in CD, Digitale e il supporto preferito degli amanti del funk, il vinile, tramite la Freestyle Records. Nel disco ritroviamo la voce di James Junior, cantante che apparve già sull’album precedente della band No Turning Back del 2015, che presta le corde vocali a Let’s Start A Movement, un soul midtempo che potrebbe ricordare Donny Hathaway. Ma stavolta ad affiancare James ci sono anche le cantanti Vanessa Jamie (strepitosa nella opening track di northern soul We Gave Up Too Soon) e la Franco-Morocchina Najwa Ezzaher, per un totale di 5 brani cantati su gli 11 totali.

Le strumentali di Our Kind Of Movement però non sono da meno, ed è qui che escono prepotentemente le influenze meno tradizionali della band; tra atmosfere cinematografiche (Edge Of Fear), flauti sognanti (Mind Escape), Hammond funk (Mo’ Crunch), torrido afrobeat (Abuja Sunrise), ispirazioni latineggianti (Funky Amigo) e tocchi di psichedelia Indiana (Kashmir). Questo album ripercorre infatti tutte le diverse sonorità che hanno ispirato gli Speedometer negli anni e che hanno contribuito a formare il caratteristico sound della band, con al centro sempre una massiccia dose di groove.

Son passati 20 anni, e Our Kind of Movement è un’altra pietra miliare nella prolifica carriera degli Speedometer, che con essa dimostrano di essere sicuramente invecchiati con stile. (Adaja Inira)

Pubblicità