“Al blu mi muovo”, l’opera migliore di Fabio Cinti

Un cantautorato ricercato ed elegante, sempre in bilico tra classicità e sonorità contemporanee, tra forma-canzone e nuove visioni pop

  • 1Minuto
  • 121Parole

Con questo nuovo album Fabio Cinti riesce dove gli altri annaspano: muoversi con grazia e leggerezza sul filo sottile dell’esistenza. Ci riesce mettendo in musica otto piccole gemme che perlustrano le profondità dei sentimenti umani senza mai risultare impersonali.

Ci riesce grazie a un cantautorato ricercato ed elegante, sempre in bilico tra classicità e sonorità contemporanee, tra forma-canzone e nuove visioni pop, liberandosi una volta per sempre di stereotipi, congetture e finte personalità.

Non è un caso infatti che questa volta sia il blu a muovere l’opera migliore di Cinti. Quel blu che predilige i labirinti dell’anima e che, tra alti e bassi, lo rende finalmente libero di essere semplicemente se stesso. Perché perdersi, talvolta, vuol dire anche ritrovarsi. (La redazione)

Se ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.