Pussy Riot: «La guerra iniziata da Putin deve finire, con il suo regime»

Le attiviste russe pubblicano alcune foto di installazioni artistiche nei luoghi chiave di Mosca dal titolo "Crawling (action)".

Pubblicato da

È di qualche ora fa la pubblicazione sulla pagina ufficiale FB delle Pussy Riot di alcune foto che ritrae le attiviste russe in diverse installazioni artistiche nei luoghi chiave di Mosca dal titolo “Crawling (action)“.

Gli scatti realizzati da Andrej Noskov sono accompagnati dalla seguente frase: «Durante l’azione, i membri delle Pussy Riot in uniforme militare hanno strisciato per i luoghi chiave di Mosca, ricordando ai cittadini che nessuno potrà stare seduto o rimanere in silenzio durante la guerra. La guerra iniziata da Putin deve finire, con il suo regime. La vita imita l’arte o viceversa?».

Chi sono le Pussy Riot?

Le Pussy Riot sono un collettivo punk rock russo noto per il loro impegno politico e femminista. Il gruppo agisce sotto anonimato e organizza proteste per promuovere la democrazia in Russia e in altre parti del mondo.

Le attiviste di Pussy Riot utilizzano la musica e le performance per attirare l’attenzione sulle ingiustizie sociali, i diritti delle donne e la mancanza di libertà di espressione. Spesso si esibiscono in luoghi pubblici in modo non autorizzato e con indosso maschere o passamontagna per proteggere la propria identità.

Uno dei loro eventi più noti è avvenuto nel 2012, quando hanno tenuto un concerto di protesta nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca. Durante la performance, hanno criticato il presidente russo Vladimir Putin e la Chiesa ortodossa russa, attirando l’attenzione internazionale e scatenando una serie di arresti e processi.

Le attiviste di Pussy Riot sono state spesso perseguitate dalle autorità russe. Alcune di loro sono state arrestate, condannate e imprigionate per le loro azioni. Tuttavia, il gruppo ha continuato a lottare per i diritti umani e a sostenere la libertà di espressione.

La loro musica e le loro azioni hanno suscitato dibattiti e attirato l’attenzione a livello globale sulla situazione dei diritti umani in Russia e sul ruolo delle donne nella società. Nonostante le sfide e le controversie, Pussy Riot ha continuato a ispirare altri attivisti in tutto il mondo ad affrontare le ingiustizie e a lottare per la democrazia. (La redazione)

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, scrivici a musicletter@gmail.com. Se invece ti piace quello che facciamo, clicca qui e supportaci con una piccola donazione via PayPal, oppure acquista su Amazon il nostro utile quaderno degli appunti o qualsiasi altro prodotto. Infine, puoi aquistare un qualsiasi biglietto su TicketOne e anche seguirci su Telegram. Grazie

✓ MUSICLETTER.IT © Tutti i diritti riservati - 24 Giugno 2023

MUSICLETTER.IT

Musica, cultura e informazione (dal 2005)