Peter Gabriel canta ancora una volta «Biko»

Più di 25 musicisti provenienti da sette paesi si uniscono a Gabriel per questa interpretazione globale per condividere un messaggio di unità, pace e speranza, tra cui la cantante e attivista beninese Angélique Kidjo, Yo-Yo Ma di Silkroad e la leggenda del basso Meshell Ndegeocello.

In occasione del Black History Month, celebrato lo scorso mese di febbraio, Peter Gabriel ha registrato una nuova versione di Biko a 40 anni dalla prima pubblicazione.

Ispirata dalla morte dell’attivista anti-apartheid Steve Biko, avvenuta durante la custodia della polizia, questa canzone è ancora attuale a seguito delle recenti brutalità, da parte di alcuni poliziotti, che continuano a verificarsi negli Stati Uniti, in Nigeria e in molti altri luoghi del mondo.

“Puoi spegnere una candela, ma non puoi spegnere un fuoco. Una volta che le fiamme iniziano a prendere fuoco, il vento le soffierà più in alto. “

Peter Gabriel, Biko

Più di 25 musicisti provenienti da sette Paesi si sono uniti a Gabriel per questa interpretazione globale, per condividere un messaggio di unità, pace e speranza, tra cui la cantante e attivista beninese Angélique Kidjo, Yo-Yo Ma di Silkroad e la leggenda del basso Meshell Ndegeocello.

Biko di Peter Gabriel è stato prodotto da Sebastian Robertson e Mark Johnson. Buon ascolto. (La redazione)

Clicca per votare questo articolo!
[Voti: 0 Media: 0]

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, utilizza questo form. Se invece ti piace quello che facciamo, clicca qui e supportaci con una piccola donazione via PayPal, oppure acquista su Amazon il nostro utile quaderno degli appunti. Grazie.

Se ti piace questo blog e non vuoi vederlo sparire, sostienilo con una piccola donazione. Grazie di cuore.