Nel 2021 in Italia cresce il consumo di musica e trionfano gli artisti locali

La top 20 album del 2021 è tutta italiana e per la prima volta in assoluto anche la classifica dei 10 singoli dello scorso anno è interamente made in Italy.

  • 2Minuti
  • 352Parole

È ancora trionfo della musica italiana, protagonista indiscussa del 2021 secondo le classifiche annuali di vendita Top Of The Music by FIMI/GfK.

Taxi Driver di Rkomi guida infatti una chart album & compilation (fisico, digitale e streaming premium) completamente colonizzata dal repertorio locale, mentre lo scettro della classifica dei singoli (download e streaming premium) va a Malibù di Sangiovanni, che domina una top ten per la prima volta in assoluto interamente italiana. 

Il podio degli album è completato, rispettivamente, dal progetto omonimo dell’artista Sangiovanni e da Teatro d’Ira – Vol. I dei Måneskin, protagonisti di un 2021 eccezionale che ha garantito anche un exploit internazionale della musica italiana.  

Top of the music 2021 by FIMI/GfK

Mi fai impazzire di Blanco & Sfera Ebbasta copre invece la seconda posizione dei singoli, seguito da Mille di Fedez, Achille Lauro & Orietta Berti.  

Gli inossidabili Pink Floyd con The Dark Side of the Moon svettano in cima alla chart dei vinili. 

In termini di volumi streaming (free + premium) nel 2021 479 album hanno superato la soglia di 10 milioni di streaming: si tratta di 302 artisti in totale, per una crescita di grande rilevanza rispetto a dieci anni prima. Nel 2011 solo 134 album per 105 artisti avevano infatti superato l’equivalente soglia delle 10.000 copie vendute (fisico + download). Un segnale importante anche per la sostenibilità economica del mercato: molti più artisti stanno raggiungendo il successo grazie al digitale. 

Il 2021 ha visto inoltre il forte traino dello streaming premium, i cui volumi sono cresciuti del 42%. 

E dopo un’inevitabile fase di arresto nel lockdown, il mercato fisico segna una ripresa con un volume del tasso di crescita del 18% rispetto al 2020: è un dato trainato dal segmento del vinile, che da solo in termini di volumi è cresciuto del 44,2% rispetto all’anno precedente. Ne è testimone l’eterogeneità dei titoli che completano il podio: al secondo posto c’è Marracash con Noi, loro, gli altri e in terza posizione si piazza Fine Line di Harry Styles

In crescita anche il segmento delle musicassette, che ha mostrato un +41% in volumi venduti. Questo è quanto ha reso noto in un comunicato stampa oggi, 7 gennaio 2022, la  Federazione Industria Musicale Italiana. (La redazione)

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, utilizza questo form. Se invece ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.