Musica e intrattenimento: quando l’accompagnamento diventa fondamentale

La musica ha un effetto decisamente ipnotico sull’essere umano e non solo. Sapevi che, ad esempio, i delfini adorano la musica classica?

  • 5Minuti
  • 1009Parole

La musica ha un effetto decisamente ipnotico sull’essere umano e non solo. In effetti è stato ampiamente dimostrato che la musicoterapia è un toccasana anche per la crescita delle piante, oltre che garantire benefici psicologici (e fisici) a pressoché qualsiasi essere senziente!

Sapevi che, ad esempio, i delfini adorano la musica classica? Sono davvero tanti i campi di utilizzo della musica e non dovrebbe certo stupire che il giusto accompagnamento musicale possa essere un piccolo trucchetto utilizzato al supermercato per farci acquistare con più piacere, oppure tenerci in uno stato rilassato quando entriamo dentro alcuni locali.

L’accompagnamento è uno strumento di marketing potentissimo: lo utilizzano da decenni nei supermercati, ma ormai lo troviamo ovunque. Hai mai notato come nei negozi di vestiti ci sia un sottofondo musicale che riflette lo spirito del negozio? Chi vende abiti indirizzati a un pubblico più giovane ha solitamente la musica molto alta ed energetica, mentre chi ha un target più maturo opterà per accompagnamenti più “soft”.

La musica nei locali per creare l’ambiente giusto

Dal momento che la musica ci circonda e accompagna la maggior parte delle nostre giornate, è del tutto naturale che all’interno dei negozi che frequentiamo ci sia una qualche playlist di musica. Così come esiste un sottofondo musicale per studiare, oppure per divertirsi o rilassarsi, esiste certamente anche la musica per giocare, ad esempio!

Lo scopo principale della musica di accompagnamento è quello di creare un’atmosfera, dare all’ambiente in cui siamo al momento una sorta di strato emotivo, che ci permetta di godere a pieno dell’esperienza. Immaginiamo di accendere la musica in auto: quali pezzi apprezzeremo di più sarà molto dipendente dal momento e dalla durata del viaggio. Per questo la musica nei locali deve avere una sorta di “carattere” che aiuti a raggiungere l’obiettivo preposto: musica rilassante, oppure energetica, magari persino soporifera! Esiste persino la musica “neutra”, che va bene a un po’ tutti, anche a chi non vuole ascoltare musica in quel momento.

Dopotutto i jingle dei supermercati, le pubblicità e qualsiasi altro prodotto audio che usufruiamo facendo un’attività qualsiasi ci influenzano anche senza che noi ce ne accorgiamo. Sapevi che la musica nei locali commerciali aumenta il valore dello scontrino finale di una percentuale fra il 2 e il 10%? Esseri messi a proprio agio paga, dopotutto, perché siamo più propensi a fare scelte di piacere, magari d’impulso.

L’atmosfera è quindi estremamente importante, crea un’esperienza per il cliente e forma un preciso ricordo nei fruitori, che assoceranno la nostra attività a determinate sensazioni ed emozioni provate durante l’acquisto e la permanenza.

Basta pensare a come la musica sia persino una vera e propria terapia per la gestione di alcune malattie e disturbi dell’attenzione per capire quanto può influenzarci una buona colonna sonora!

La musica per creare l’atmosfera da casinò

All’interno dei casinò la musica è un coadiuvante al rilassamento, una sorta di relax aggiuntivo al relax. Come abbiamo detto, essere piacevolmente tranquilli aiuta anche a rimanere più a lungo in un posto che ci rasserena, aumentando quindi anche il tempo che passiamo a giocare e la possibilità di riscuotere soldi veri al casinò online!

Se ascoltiamo con attenzione, sia nei casinò online che in quelli reali, la musica è davvero a basso volume: un leggero accompagnamento che avvertiamo nei tempi morti e quando c’è assoluto silenzio. Paragonando la stessa esperienza ma omettendo la parte musicale, troviamo che quel momento di relax che stiamo vivendo, in questi frangenti di pausa, potrebbe “spezzarsi”, facendoci uscire dal “mood”.

Inoltre gli effetti sono piuttosto ampi, perché si estendono ben oltre ciò che abbiamo detto di aumentare il tempo di permanenza. Un buon impianto musicale ci dona un senso di “posto curato”, ci fa percepire un ambiente come vivo e invoglia persino chi è fuori ad entrare: proprio per questo fuori da supermercati e locali di vario tipo vengono piazzate casse esterne con musica in filodiffusione!

Photo by Ben Frost on Unsplash
Photo by Ben Frost on Unsplash

Musica da locali: veloce o lenta?

Così nei locali troviamo diversi tipi di musica che devono essere adatti al contesto: un caffè letterario? Forse un po’ di jazz e musica da studio? Che dire allora di un minimarket di provincia? Che musica dovrà scegliere?

Ogni ambiente deve ottenere un preciso scopo e considerare la propria giornata tipo, adeguando l’accompagnamento musicale. Se ci pensiamo, un bar piuttosto piccolo è pieno di rumori, luci, persone che vanno e vengono, oltre a schiamazzi provenienti dai tavoli e molto altro. L’ideale sarebbe quindi inserire, in questo grande caos, un sottofondo musicale molto “soft”, qualcosa che possa contrastare questo continuo bombardamento di elementi uditivi, aiutando il relax come fanno i lounge bar. Tuttavia chi ci dice che, invece, un ambiente dedicato al divertimento e allo sfogare lo stress della giornata non possa essere un vero e proprio frastuono? Ne sono un esempio i pub irlandesi, che non si fanno certo problemi ad avere come sottofondo musica rock e certo non “rilassante”!

In genere attraverso la musica si cerca di raggiungere una sorta di leggera ipnosi, dove possiamo sentirci finalmente in un posto confortante, a volte rilassante altre semplicemente dove sentirsi “liberi”, magari dopo una giornata di lavoro.

Se è vero che in certa misura la musica ha effetti di vario tipo come aumentare il tempo di permanenza in un luogo, la persistenza nel giocare e persino alcuni gradi di disinibizione, c’è anche chi si lascia “trasportare” troppo dal momento, sfogando nel bere, nel gioco o altri vizi i propri problemi, finendo con il farlo diventare un hobby malsano.

In tutti i casi, però, quando pensiamo all’accompagnamento musicale dobbiamo sempre chiederci quale sia lo scopo utile della musica utilizzata. Solitamente si vuole creare una specifica atmosfera, così da rendere qualsiasi luogo virtuale o fisico più attraente a determinati tipi di clienti, oppure ha il solo scopo di farci comprare d’impulso il pacchetto di patatine davanti la cassa, o farci puntare di getto su quel 4 nero!

Se ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.