Alla scoperta dello «standard jazz» con 10 classici senza tempo

Scopri l'importanza degli standard del jazz nel definire il linguaggio del genere. Dai classici del «Great American Songbook» alle influenze internazionali, esplora i brani iconici che hanno attraversato generazioni e che ancora oggi ispirano i musicisti contemporanei.

Pubblicato da

Il jazz, un genere musicale caratterizzato dall’improvvisazione e dalla creatività, ha un ricco patrimonio di composizioni che sono diventate pietre miliari nella storia della musica. Questi brani, noti come “standard jazz”, rappresentano un repertorio comune tra i musicisti jazz di tutto il mondo.

Per essere considerati standard, devono soddisfare alcuni requisiti: essere ben conosciuti, suonati frequentemente e registrati in numerose versioni nel corso degli anni. Non esiste una lista ufficiale degli standard jazz, ma un punto di riferimento comune per gli appassionati di questo genere è rappresentato dai cosiddetti “fake book” (da non confondere con Facebook, mi raccomando).

Battute a parte, questi libri contengono trascrizioni di canzoni popolari utilizzate dai musicisti per ampliare il proprio repertorio e improvvisare sul momento. I fake book sono particolarmente diffusi tra i jazzisti, poiché l’improvvisazione riveste un ruolo fondamentale nella musica jazz.

È interessante notare che non tutti gli standard jazz sono stati scritti da musicisti jazz. Uno dei nuclei più tradizionali è il “Great American Songbook”, composto da canzoni originariamente scritte dai songwriter della famosa Tin Pan Alley (nome dato all’industria musicale di New York tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, dove compositori e editori creavano e pubblicavano canzoni popolari destinate al successo).

Questi brani del “Great American Songbook” hanno lasciato un’impronta indelebile nel mondo del jazz e, ancora oggi, continuano a essere reinterpretati in modo innovativo dai musicisti contemporanei.

Oltre ai brani del “Great American Songbook”, il repertorio degli standard jazz può includere anche canzoni della tradizione folcloristica europea o brani pop che sono stati adottati e trasformati dai jazzisti. Questa flessibilità e apertura verso diverse influenze musicali contribuisce alla ricchezza e alla diversità dello standard jazz.

Gli standard jazz sono una parte essenziale dell’eredità musicale del jazz e svolgono un ruolo fondamentale nell’evoluzione del genere. Molti di essi sono diventati delle vere e proprie icone, come Summertime di George Gershwin, Take the a Train di Billy Strayhorn o Autumn Leaves di Joseph Kosma. Composizioni che anno attraversato generazioni e continueranno a ispirare e influenzare i musicisti jazz di oggi e di domani.

Ecco una lista di 10 famosi standard del jazz:

  1. Take the a Train – Composta da Billy Strayhorn, questa è diventata una delle composizioni più famose dell’era del big band, eseguita spesso dalla Duke Ellington Orchestra.
  2. Summertime – Un classico tratto dall’opera Porgy and Bess di George Gershwin, è stato reinterpretato innumerevoli volte dai grandi musicisti jazz.
  3. Autumn Leaves – Un brano dal compositore francese Joseph Kosma, è diventato uno degli standard più amati nel repertorio jazz, con interpretazioni iconiche di artisti come Miles Davis.
  4. All of Me – Un brano scritto da Gerald Marks e Seymour Simons, è stato eseguito e registrato da numerosi jazzisti di fama.
  5. Fly Me to the Moon – Un classico di Bart Howard, ha guadagnato popolarità grazie alle interpretazioni di Frank Sinatra ed è diventato uno dei brani più eseguiti nel repertorio jazz.
  6. My Favorite Things – Tratto dal musical “The Sound of Music” di Richard Rodgers e Oscar Hammerstein II, è stato reso celebre da John Coltrane con la sua rivisitazione innovativa.
  7. So What – Un brano iconico dell’album “Kind of Blue” di Miles Davis, è una composizione modale che ha avuto un impatto significativo sulla storia del jazz.
  8. Blue Bossa – Scritto da Kenny Dorham, questo brano ha influenzato il genere del Latin Jazz ed è stato registrato da numerosi musicisti di fama.
  9. Stella by Starlight – Un brano di Victor Young, è diventato uno standard del jazz grazie alle sue progressioni armoniche complesse e al suo lirismo.
  10. In a Sentimental Mood – Una composizione di Duke Ellington, è un pezzo romantico e malinconico che è diventato uno dei suoi brani più amati.

Questa lista rappresenta solo una piccola parte degli innumerevoli standard del jazz che sono diventati parte integrante del repertorio jazzistico nel corso degli anni.

Dunque, cosa si intende per “standard jazz”?

In conclusione, gli standard del jazz rappresentano un corpus di composizioni senza tempo che hanno contribuito a definire il linguaggio del genere. La loro importanza nel repertorio dei musicisti jazz è testimoniata dalla loro diffusione, esecuzione e registrazione frequente nel corso degli anni. Sono un legame vitale tra il passato e il presente del jazz, garantendo la continuità e la vitalità di questo affascinante genere musicale. (Aaron Stack)

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, scrivici a musicletter@gmail.com. Se invece ti piace quello che facciamo, clicca qui e supportaci con una piccola donazione via PayPal, oppure acquista su Amazon il nostro utile quaderno degli appunti o qualsiasi altro prodotto. Infine, puoi aquistare un qualsiasi biglietto su TicketOne e anche seguirci su Telegram. Grazie

✓ MUSICLETTER.IT © Tutti i diritti riservati - 10 Giugno 2023

MUSICLETTER.IT

Musica, cultura e informazione (dal 2005)