Articolo

Return to the Spirit, l’album di debutto della band di Los Angeles Sun Atlas

Lo stile eclettico dei Sun Atlas riflette un profondo senso di comunità e spirito universale, come alternativa all'idolatria e all'individualismo.

Pubblicato da

I membri della band di Los Angeles Sun Atlas si nascondono dietro maschere e costumi per mantenere segreta la loro identità e focalizzare tutta l’attenzione sulla loro musica, ben rappresentata nelle 10 tracce strumentali che compongono l’album di debutto Return To The Spirit.  

Lo stile eclettico riflette un profondo senso di comunità e spirito universale, come alternativa all’idolatria e all’individualismo. La musica dei Sun Atlas è mistica e cosmopolita: fonde afrobeat, soul cinematico e spiritual jazz con suoni cosmici, breaks in stile hip-hop e un’atmosfera garage funk. 

Un invito agli ascoltatori a immergersi in questo viaggio sonoro galattico sin dal primo brano del disco, la titletrack Return To The Spirit, in cui un breakbeat fa da spina dorsale e si mescola a escursioni jazzistiche, funk in stile colonna sonora e atmosfere psichedeliche. Mentre in Message From The Snakes troviamo un giro di batteria arabeggiante, una sezione di ottoni afro-jazz, e lo steel pan (strumento a percussioni caraibico) che tesse una tela musicale esotica e conturbante che ricorda le movenze di un serpente.

The Source assomiglia a qualcosa che avrebbe potuto comporre Dr. Dre dopo aver consumato un peyote allucinogeno nel deserto ed essere stato rapito da una navicella spaziale che lo trasporta attraverso le galassie. Ci sono anche delle piccole incursioni elettroniche, come in Phases Of The MoonSky World, che sin dai titoli indicano che lo sguardo va rivolto in su, verso la luna o il cielo, ma sempre con una prospettiva ampia, giusto per uscire dal nostro personale e ristretto punto di vista. 

Insomma: se da un lato Return To The Spirit è un trip sonoro intergalattico, dall’altro segna un ritorno alle origini primordiali della vita. E lo fa con un suono “spaziale” e “alieno”, ma pur sempre caldo, familiare e riconoscibile. (Adaja Inira)

Se vuoi segnalarci un errore o dirci qualcosa, scrivici a musicletter@gmail.com. Se invece ti piace quello che facciamo, clicca qui e supportaci con una piccola donazione via PayPal, oppure acquista su Amazon il nostro utile quaderno degli appunti o qualsiasi altro prodotto. Infine, puoi aquistare un qualsiasi biglietto su TicketOne e anche seguirci su Telegram. Grazie

✓ MUSICLETTER.IT © Tutti i diritti riservati - 22 Maggio 2024

MUSICLETTER.IT

Musica, cultura e informazione (dal 2005)