«Apache» è il nuovo album di Stefano Meli (ascoltalo in anteprima)

Il 3 maggio 2022 uscirà per Viceversa Records l’ottavo album in studio di Stefano Meli. Si intitola «Apache» ed è in anteprima streaming sul nostro sito. Buon ascolto.

  • 3Minuti
  • 483Parole

Classe 1973, Stefano Meli è un chitarrista siciliano con all’attivo finora sette album da solista e diverse collaborazioni tra cui La CasbahCaruana Mundi e Kolarov, solo per fare qualche nome.

Il y maggio 2022 uscirà per la sempre attenta Viceversa Records il suo ottavo album in studio dal titolo Apache, un lavoro che in qualche modo percorre quelle atmosfere di frontiera, polverose e desertiche, di Paris, Texas (Ry Cooder).

Un disco che Stefano Meli descrive così:

Esiste un luogo che possiamo chiamare casa, quello dal quale proveniamo, da cui ci allontaniamo per perlustrare altri luoghi, al quale sempre torniamo alla fine di un viaggio. Probabilmente per ciascuno quel luogo esiste non in una, ma in più dimensioni che si intersecano, producendo significati propri, originali, originari. A casa e ritorno (titolo preso in prestito da una raccolta di nove racconti di Chris Offutt pubblicata da Minimum Fax), il brano che chiude Apache, il mio nuovo lavoro, potrebbe essere un buon punto di partenza per seguire una delle linee narrative di questo disco sotto molti aspetti radicale. C’è un ritorno alle radici del blues, come atteggiamento, e c’è una radicalità delle intenzioni nell’esecuzione. Il minimo indispensabile: chitarra elettrica, amplificatore, un banjo e un paio di delay analogici riverberati naturalmente dalla pietra ruvida di un’antica casa di campagna costituiscono l’ossatura di una rigorosa presa diretta durante una sola giornata, una domenica di aprile. Tre microfoni, uno per l’ampli e due per l’anima della pietra. E poi, in continuità con il disco precedente, Stray Dogs, c’è un posizionamento radicale che percorre la sequenza dei nove brani, legati l’uno all’altro da un unico concept, una storia vissuta. Un propendere senza tentennamenti possibili da una parte, che è quella della libertà di muoversi e di restare, di migrare e di resistere, di appartenere e di fluire, di combattere o fuggire. C’è, nella ricerca di quel suono sporco, polveroso, una limpida dichiarazione di vicinanza ai nomadi della terra, siano essi popoli nativi d’America, o una famiglia di cani liberi che di quei popoli hanno preso il nome come riconoscimento della loro indomita istanza di libertà, della estrema resistenza a ogni forma di domesticazione. Per loro, come per i nativi americani, casa è un territorio aperto, i cui riferimenti non sono muri o recinti, ma sentieri, piste, strade. Quella a cui fare ritorno è una casa mobile, impermanente, transitoria, ma pur sempre casa. Ѐ lì che Apache e i suoi trasformano il difetto in virtù.

Stefano Meli

Registrato in presa diretta da Massimo Martines allo “Stone Lucy Ranch” e missato da Michele Musarra al Phantasma Recording Studio di Catania, Apache di Stefano Meli è in anteprima sul nostro blog. Buon ascolto. (La redazione)

Se ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.