Il folk contemporaneo di Emma Tricca

Una delle più grandi cantautrici e chitarriste folk contemporanee

  • 2Minuti
  • 275Parole

Per chi non la conoscesse ancora, Emma Tricca è una delle più grandi cantautrici e chitarriste folk contemporanee.

Un’artista internazionale dal talento e dalla sensibilità davvero unici apprezzata, manco a dirlo, soprattutto all’estero da musicisti – giusto per fare qualche nome – come John Renbourn (Pentangle), Robyn Hitchcock, Steve Shelley (Sonic Youth), Steve Wynn (The Dream Syndacate), Jason Victor, Howe Gelb (Giant Sand), Jane Weaver, Jarvis Cocker, Judy Collins e tanti altri ancora.

Una vera e propria esploratrice della musica e della vita, come si legge dalla sua biografia, che ha iniziato a muovere i suoi primi primi a Roma, città in cui è cresciuta appassionandosi alla musica folk e al fingerstyle grazie all’incontro con John Renbourn, per poi iniziare a viaggiare tra gli Stati Unti e l’Inghilterra fino a stabilirsi a Londra dove ha maturato la sua personalità artistica.

A oggi, sono diversi i dischi all’attivo: Gypsies And Red Chairs del 2001 per Fairylands Records, che introduce la cantautrice nel mondo della discografia ufficiale, Minor White del 2009, prima meraviglia della musicista anglo-italiana al quale seguono due dischi su Bird Records, Relic del 2014, acclamato da pubblico e critica, e St. Peter, capolavoro della musica folk contemporanea pubblicato nel 2018 per Dell’Orso Records che, quest’oggi, vi proponiamo in streaming via Bandcamp.

Segnaliamo inoltre l’EP collaborativo del 2020, Southern Star, realizzato con l’amico chitarrista chitarra Jason McNiff. Per saperne di più su Emma Tricca, vi invitiamo a leggere il suo sito ufficiale e questa nostra intervista del 2018. (La redazione)

CLICCA QUI E ASCOLTA

Se ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.