Emis Killa rischia di essere denunciato dalla città di Riccione

Il rapper Emis Killa rischia di essere denunciato dalla città di Riccione per una sua recente dichiarazione su Twitter

  • 2Minuti
  • 275Parole

Dopo le recenti vicende sul Jova Beach Party, continuano le polemiche estive all’insegna – per così dire – di musica, società e ambiente. Questa volta però il protagonista è il rapper Emis Killa.

In un messaggio apparso sulla pagina ufficiale della città di Riccione, si legge che in seguito a un post su Twitter di Emis Killa, l’amministrazione comunale guidata dalla sindaca Daniela Angelini “sta valutando di adire alle vie legali per diffamazione e danno d’immagine”.

Il messaggio Twitter di Emis Killa al quale fa riferimento l’amministrazione comunale della città di Riccione è il seguente:

Tanto per rimanere in tema, Riccione è diventata Marsiglia comunque. Una volta i giovani andavamo li a divertirsi, le famiglie anche. Ora dopo le 18:00 se sei un bravo ragazzo devi avere paura a farti una passeggiata sul lungomare. Le manganellate nelle ginocchia ci vogliono.

Emis Killa (Twitter)

Ecco invece cosa scrive la sindaca di Riccione sulla sua pagina FB.

Sono indignata dalle parole di Emis Killa. Le respingo con forza e le ritengo frutto di assoluta malafede, ha raccontato una Riccione che non esiste.

A tutela dell’onorabilità della città che rappresento, dei nostri operatori, dei cittadini e degli ospiti stessi che amano Riccione, i nostri legali sono già al lavoro per procedere con le opportune azioni giudiziali volte a punire questa gratuita diffamazione ed a ottenere il risarcimento del danno d’immagine conseguente.

La stessa valutazione verrà fatta nei confronti di esponenti politici nazionali che per meri scopi elettorali intendono cavalcare questa azione denigratoria.

Daniela Angelini (Facebook)

Un altro conflitto tra musica e politica dopo il recente attacco di Loredana Bertè alla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni. (La redazione)

Se ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.