Il contezioso tra Beppe Vessicchio e la RAI

Il musicista e compitore italiano ha aperto un contezioso contro la RAI per mancato pagamento da parte della TV pubblica di diritti musicali a lui spettanti.

  • 3Minuti
  • 504Parole

In una nota diffusa dal suo ufficio stampa, il musicista e compositore Beppe Vessicchio commenta positivamente la decisione di tre tra le principali società di gestione collettiva dei diritti dei produttori discografici italiani – AFI (Associazione Fonografici Italiani), Audiocoop e GetSound – di intervenire al suo fianco nel contenzioso attivato dallo stesso musicista (dinanzi al Tribunale di Roma) contro la RAI, a causa del mancato pagamento da parte della TV pubblica di diritti musicali a lui spettanti.

Sono grato al Presidente Sergio Cerruti, all’AFI, a GETSOUND e AUDIOCOOP, per questo grande atto di coraggio, solidarietà e di amore per la verità; verità che da anni inseguo, affinché vengano rispettati i miei diritti di produttore e artistaSono davvero felice che entità di tale importanza abbiano riconosciuto le mie ragioni e intendano affiancarmi contro un colosso come RAI, ponendosi in difesa dei produttori, piccoli o grandi che siano, che hanno subito un trattamento a mio avviso inqualificabile dall’azienda pubblica”.

Beppe Vessicchio

Beppe Vessicchio ritiene dunque che i diritti di “equo compenso” di sua titolarità, quale produttore fonografico e proprietario di supporti discografici utilizzati in trasmissioni televisive diffuse da RAI, non gli siano stati pagati.

Ho avviato questo contenzioso oramai quasi 4 anni fa, quando non ho avuto più scelta; ho tentato in tutti modi di farmi ascoltare dai dirigenti RAI, ma non c’è stato nulla da fare. Alla fine mi sono visto costretto ad avviare una causa affinché quei diritti mi venissero finalmente riconosciuti. Andrò fino in fondo a questa faccenda, fin quando non vedrò accolte le mie rivendicazioni in qualità di artista, di produttore di musica e anche di imprenditore nel campo musicale, contro quelli che ritengo dei veri e propri soprusi da parte di un’azienda (che peraltro è pubblica), che mi ha trattato come se stessi invocando diritti oggetto della mia fantasia e non riconosciutimi per legge”.

Beppe Vessicchio

Il direttore d’orchestra sottolinea l’importanza dell’intervento di AFI, Audiocoop e GetSound nel proprio contenzioso.

“Sono ben felice e orgoglioso della decisione di AFI, AUDIOCOOP e GETSOUND di intervenire nel contenzioso da me avviato, per sostenere i medesimi principi di diritto da me invocati; si badi bene, solo in diritto e non anche nel merito, poiché quel principio giuridico deve valere per me, come per gli altri produttori discografici che si trovano nelle mie stesse condizioni. Proprietari di registrazioni che RAI ha utilizzato per anni e che oggi si rifiuta di remunerare come legge disporrebbe. Sarà una sfida di Davide o tanti Davide contro Golia? Può darsi, ma io ho piena fiducia nella Giustizia Italiana, e confido che il mio ‘giudice a Berlino’ alla fine accerterà la verità. Un sentito e speciale ringraziamento al Presidente Sergio Cerruti che più di tutti ha ritenuto fondate le mie ragioni. Auspico che il suo sia l’esempio per le altre associazioni di categoria ad attivarsi in tal senso”.

Beppe Vessicchio

Ora toccherà vedere come andrà a finire la vicenda tra Beppe Vessicchio e la RAI. (La redazione)

Se ti è piaciuto questo articolo, non possiamo che esserne felici. Tuttavia, per continuare a fare questo tipo di informazione in maniera libera e indipendente è importante anche (soprattutto) il tuo sostegno economico. Per questo motivo ti invitiamo a supportarci con una libera donazione via PayPal. Questo è il link per sostenerci. Grazie.